FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Ambiente, Costa: "Daspo per chi inquina, non ama il suo territorio"

Il ministro propone la confisca per chi commette illeciti ambientali: "Eʼ lo stesso principio utilizzato per i sequestri alla mafia"

Ambiente, Costa: "Daspo per chi inquina, non ama il suo territorio"

Un "Daspo ambientale" per coloro che deturpano l'ambiente. Lo propone il ministro dell'Ambiente, Sergio Costa, alla presentazione del rapporto Ecomafia 2018 di Legambiente. "Chi inquina - afferma - a mio parere è il caso che lasci il territorio, perché non lo ama. Se vogliamo salvare il pianeta imitazioni anche da queste piccole cose". Costa propone anche "il sequestro ai fini di confisca per chi commette illeciti ambientali".

"Chi commette un reato di natura ambientale e non sa giustificare i proventi della sua attività rientra nello stesso principio utilizzato per i sequestri alla mafia", ha sottolineato il ministro dell'Ambiente.

"Oltre le legge 68, sarà una rivoluzione copernicana" - Costa ha inoltre promesso "una rivoluzione copernicana" a partire dalla "meravigliosa legge 68 del 2015, che modificheremo considerandola la pietra miliare per andare oltre".

"Fondo unico coi proventi dalla lotta agli ecocrimini" - "Bisogna sistemare i passaggi per istituire un fondo unico ambientale, perché i soldi che provengono dall'applicazione della legge 68 del 2015 vengano utilizzati per la tutela dell'ambiente", ha affermato ancora il ministro.

Reati ambientali 2017: le regioni più criminali

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali