FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Trump: "Non voglio immigrati da Haiti, El Salvador e Africa, sono cesso di Paesi" | Ma lui nega: "Mai usato quel linguaggio"

LʼOnu attacca il presidente Usa: "Vergognosi quei commenti, fomentano la xenofobia". E a sorpresa lʼinquilino della Casa Bianca dice di avere un rapporto molto buono con Kim Jong-Un

Donald Trump nella bufera per una presunta frase shock, ma che lui nega di aver pronunciato. Durante un incontro nello Studio Ovale, a chi gli chiedeva di riconsiderare la decisione di togliere lo status di protezione a migliaia di immigrati da Haiti, El Salvador e da alcuni Paesi africani, il presidente avrebbe risposto: "Perché gli Usa dovrebbero avere tutta questa gente che arriva da questo cesso di Paesi?". L'Onu: "Parole vergognose".

Trump nega: "Non ho usato quel linguaggio" - "Il linguaggio usato da me è stato duro, ma non è stato quello di cui ha parlato la stampa". Dopo le polemiche, Trump nega su Twitter di aver usato quell'espressione volgare ("shithole countries"). A riferire le sue parole è stato il Washington Post citando alcuni dei presenti nello Studio Ovale. "Voglio un sistema di immigrazione basato sul merito e persone che aiuteranno a portare il nostro Paese al livello successivo. Voglio sicurezza per il nostro popolo", aggiunge poi il presidente nel tweet. 

Gelo alla Casa Bianca - Nello Studio Ovale, davanti alle parole di Trump il senatore repubblicano Lindsay Graham e quello democratico Richard Durbin sono rimasti gelati: solo pochi minuti prima, avevano proposto di tagliare del 50% la lotteria per i visti di ingresso negli Usa continuando a tutelare gli immigrati già residenti nel Paese con lo status di protezione. Status accordatogli in quanto costretti a lasciare i loro Paesi di origine per sfuggire alle conseguenze di catastrofi come i devastanti terremoti che negli anni passati hanno colpito El Salvador o Haiti.

La Casa Bianca non smentisce le ricostruzioni, limitando a dire: "Alcuni politici a Washington scelgono di combattere per Paesi stranieri, ma il presidente combatterà sempre per gli americani", afferma il vice portavoce della Casa Bianca, Raj Shah. "Come altri Paesi che hanno un sistema dell'immigrazione basato sul merito, il presidente si batte per una soluzione permanente che rafforzi il paese dando il benvenuto a coloro che possono contribuire alla nostra società e far crescere la nostra economia".

La condanna dell'Onu - La presunta espressione che avrebbe usato il presidente americano ha subito scatenato polemiche. Dalle Nazioni Unite sono arrivate parole durissime su quelle espressioni che, se confermate, ha detto il portavoce dell'ufficio per i diritti umani Rubert Colville, sono "vergognose e scioccanti". Tali commenti, ha aggiunto Colville, potrebbero mettere in pericolo vite umane fomentando la xenofobia. Ma l'onda di indignazione si è sollevata in tutto il mondo.

In rivolta anche gran parte della diplomazia Usa, i cui rapporti con la Casa Bianca sono oramai ridotti ai minimi termini. Il rapporto con il segretario di Stato Rex Tillerson non è mai decollato e potrebbe definitivamente spezzarsi da un momento all'altro. E l'ambasciatore Usa a Panama intanto ha deciso di lasciare spiegando di non poter più lavorare con l'amministrazione Trump. Il Dipartimento di Stato avrebbe comunque inviato a tutto il personale sparso per il mondo istruzioni sulla linea da seguire nel caso in cui i governi alleati dovessero chiedere spiegazioni.

Trump al Wsj: "Ho un buon rapporto con Kim Jong-Un" - Ma Trump stupisce anche su un altro fronte: la Corea del Nord. A sorpresa in un'intervista al Wall Street Journal afferma di "avere probabilmente un rapporto molto buono con Kim Jong-Un". Il presidente non entra nel dettaglio e non chiarisce se ci siano stati contatti diretti. Alla domanda su possibili colloqui fra Trump e Kim, il presidente risponde: "Non commento. Non voglio dire se l'ho fatto o meno. Non voglio commentare".

Gli immigrati negli Usa

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali