FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Razzi lanciati in Israele dalla Striscia di Gaza: Tel Aviv risponde con raid aerei

Lʼazione di rappresaglia è stata ordinata dal premier Netanyahu durante una riunione dʼemergenza convocata al ministero della Difesa

Raid aerei israeliani hanno colpito alcuni obiettivi a Gaza in risposta al lancio di due razzi, partiti dalla Striscia e diretti a Tel Aviv, avvenuto poche ore prima. Uno dei missili palestinesi era stato intercettato dal sistema di difesa Iron Dome, mentre il secondo era caduto in una zona disabitata. In nessuno dei due casi erano stati segnalati danni o vittime.

Colpiti oltre 100 obiettivi - Secondo quanto riferito dal portavoce militare israeliano sono stati "oltre 100 gli obiettivi terroristici di Hamas colpiti" a Gaza durante la notte. Tra questi anche quartier generali dell'organizzazione nel sud della Striscia.

La riunione di emergenza e l'ordine di Netanyahu - A impartire l'ordine del controattacco è stato il premier Benjamin Netanyahu dopo aver convocato una riunione d'emergenza al ministero della Difesa, per organizzare l'azione di risposta.

La delegazione egiziana arrivata nel pomeriggio di giovedì a Gaza ha lasciato il territorio, su richiesta di Israele. Intanto il sindaco di Tel Aviv ha dato ordine che siano aperti tutti i rifugi pubblici della città.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali