FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Isis, cresce il rischio di attentati in Europa e negli Usa. Fbi: "Attesa diaspora di terroristi senza precedenti"

Lʼallarme lanciato dal numero uno del Federal Bureau

I successi contro l'Isis in Iraq e in Siria portano a un aumento della possibilità di attentati nell'Europa occidentale e negli Stati Uniti. E' l'allarme lanciato da James Comey, numero uno dell'Fbi, che spiega come "a un certo punto ci sarà una diaspora di terroristi dalla Siria come non l'abbiamo mai vista finora". "Del resto - aggiunge Comey - non tutti i terroristi dello Stato islamico moriranno sul campo di battaglia".

Comey ha spiegato come l'intelligence e l'antiterrorismo Usa e degli alleati europei si stiano concentrando su come affrontare il flusso di "centinaia di combattenti" che man mano che l'Isis arretra in Medio Oriente si riversa sulle coste occidentali, con l'Europa e gli Stati Uniti sempre più vulnerabili.

Per questo, ha sottolineato, aumenta sempre più la possibilità di attacchi come quelli di Parigi o di Bruxelles. Comey ha fatto quindi l'esempio della diaspora di terroristi in coincidenza con le guerre che hanno coinvolto l'Afghanistan alla fine degli anni '80 e ai primi degli anni '90. "Ma stavolta - ha ammonito - il fenomeno della diaspora sarà dieci volte più grande".

Il direttore del Federal Bureau ha quindi ammesso la difficoltà di prevenire il tipo di attacchi terroristici che stanno sconvolgendo l'Occidente: "Fermarli è persino più difficile di trovare un ago nel pagliaio". Anche perché il proliferare della propaganda sui social media ha reso sempre più difficile stabilire quando un simpatizzante online si radicalizza davvero e comincia a compiere passi per l'attuazione di piani violenti.

Non è la prima volta che l'Fbi lancia l'allarme sulla pericolosità dei militanti dell'Isis. Già a novembre dello scorso anno, infatti, il Federal Bureau aveva segnalato all'intelligence italiana la possibilità che gli jihadisti volessero colpire l'Italia, indicando anche tre obiettivi precisi: a Roma la cattedrale di San Pietro, e a Milano il Duomo e la Scala.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali