FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Israele, Netanyahu dà il nome di Trump a una città sulle alture del Golan

"Trump - ha spiegato - è stato il primo leader internazionale a riconoscere la sovranità israeliana sulle Alture del Golan"

Da oggi sul Golan una località porta il nome del presidente Usa: non più Bruchim, come si chiamava un tempo, bensì Ramat Trump ("Alture di Trump"). A posare la prima pietra - che per ora consiste in un grande cartello con il nuovo nome dell'insediamento - ci ha pensato il premier Benyamin Netanyahu per onorare "un grande amico". "Trump - ha spiegato - è stato il primo leader internazionale a riconoscere la sovranità israeliana sulle Alture del Golan".

Israele dà il nome di Trump a una città del Golan

Alla presenza dell'intero governo riunito in sessione straordinaria sul luogo e dell'ambasciatore Usa David Friedman, ha formalizzato - dopo un primo rinvio chiacchierato - una decisione presa e annunciata subito dopo il riconoscimento del presidente Usa della sovranità israeliana sul Golan, conquistato alla Siria durante la guerra del 1967.

"Per noi oggi è una giornata storica - ha detto sotto i tendoni allestiti per accogliere gli ospiti alla fine di un viale contornato dalle bandiere israeliane e americane - e siamo fieri di fare questo insediamento per rendere onore al nostro grande amico Donald Trump".

Da questa mattina il posto è stato preso d'assalto dai giornalisti: in molti si sono aggirati tra le rustiche case di campagna in cui vivono 15 persone (in prevalenza immigrati russi) che fino a sabato sera facevano parte di Bruchim e che da oggi, invece, sono residenti di "Trump city".

Posto su una collinetta l'insediamento è un paradiso bucolico ma isolato: "siamo molto contenti - ha detto al cronista uno degli abitanti - E' una grande occasione per questo luogo, per svilupparsi ed attirare altra gente". Ma qualcuno si è rivelato più distaccato se non scettico: "servirebbero scuole, trasporti e ospedali ma visto che siamo in pochi - ha ribattuto una ragazza - non possono essere avviate".

A poca distanza l'insediamento di Kela Alon, di cui Bruchim fa parte, appare molto più organizzato e benestante ed ora tutti sperano in un futuro più prospero. Speranza colta al volo da Netanyahu: "Israele - ha annunciato - continuerà a costruire sul Golan per tutti i suoi abitanti, ebrei e non, per il futuro di Israele".

Ma l'opposizione non la pensa così e parla di governo riunito per "relazioni pubbliche", visto che l'esecutivo di Netanyahu è ad interim in attesa del voto politico del 17 settembre e che quella di oggi non puo' che essere una decisione preliminare. Fondi di sviluppo e modi di spenderli - hanno fatto notare esponenti della stessa - saranno decisi dal nuovo governo uscito dalle elezioni. Ma Haim Haim Rokach, presidente del Consiglio regionale del Golan, la vede diversamente: "Abbiamo ricevuto - ha detto a Israel Ha Yom - centinaia di telefonate, anche da ebrei degli Stati Uniti e del Canada. Dicono che vogliono immigrare e vivere a "Trump City".

Netanyahu ha tagliato corto alle polemiche: Trump - ha spiegato - è stato il primo leader internazionale a riconoscere la sovranità israeliana sulle Alture del Golan "strappando la maschera della cortina di ipocrisia a quanti non vogliono riconoscere quello che è ovvio". Quanto basta per intitolargli una nuova cittadina.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali