FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Brexit, Tusk: "Il piano May per un accordo con lʼUe non funzionerà"

Il presidente del Consiglio europeo: "Oggi sono più ottimista ma non si può escludere il no deal"

Brexit, Tusk: "Il piano May per un accordo con l'Ue non funzionerà"

Il piano della premier britannica Theresa May per un accordo con l'Unione europea per il dopo-Brexit "non funzionerà in alcuni punti chiave", come le intese commerciali. Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, al termine del vertice informale dei leader a Salisburgo. "Il cosiddetto piano Chequers minerebbe il mercato unico dell'Europa", ha aggiunto.

"Se ci saranno progressi sufficienti" nei negoziati a ottobre, potrebbe essere necessario un summit ulteriore, tuttavia "senza il 'grande finale' positivo a ottobre non ci sarà motivo di organizzare un incontro speciale a novembre", h aggiunto Tusk. Sulle date, ha aggiunto: "Se ci sarà, sarà nei giorni 17 e 18 novembre".

"Siamo nel mezzo di negoziati difficili, significa che è un gioco duro, sapete che ero molto triste sulla questione Brexit, oggi sono un pochino più ottimista sull'esito dei negoziati, anche se non possiamo escludere a questo stadio un 'no deal'. Ciò dipende da entrambe le parti".

Macron: proposte britanniche inaccettabili - Le proposte del governo britannico sulle relazioni commerciali post Brexit "non sono accettabili", perché non rispettano il mercato unico. Lo ha dichiarato il presidente francese, Emmanuel Macron, in conferenza stampa a Salisburgo. Oggi siamo all'ora della verita'", i 27 membri dell'Unione europea si aspettano "nuove proposte britanniche a ottobre" sulla Brexit, ha aggiunto il capo dell'Eliseo.

Theresa May: impensabile un nuovo referendum - Londra non puo' accettare un secondo referendum sulla Brexit, "non ci sara' nessun secondo referendum" nel Regno Unito, che lascera' l'Ue come previsto il 29 marzo 2019, "abbiamo dato la scelta ai cittadini, che hanno scelto, ora e' nostro dovere attuare la loro decisione", aveva dichiarato la premier britannica, Theresa May. E' "essenziale" che il governo britannico "riconosca i bisogni delle persone in Irlanda del Nord", che "vogliono continuare a vivere come oggi, credo sia parte chiave dei negoziati" e che "l'accordo che sto negoziando debba essere nell'interesse di tutti i cittadini britannici, inclusi i nordirlandesi". Inoltre, la prima ministra ha aggiunto: "Se non ci sarà un accordo accettabile da parte di Londra, siamo pronti a un no deal".

Brexit, i nodi da sciogliere

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali