FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

26/11/2008

Cannabis legale: voto in Svizzera

Critici temono un'invasione dall'Italia

Cannabis legale: domenica in Svizzera si vota. Un referendum popolare sancirŗ se, nel Paese del cioccolato, anche la marijuana potrŗ essere liberamente acquistata, coltivata (per uso personale) e consumata. I promotori hanno raccolto centomila firme, i detrattori sono preoccupati dal rischio che nel Paese - che diverrebbe un'isola di depenalizzazione al centro dell'Ue - si riversi un'ondata di "fumatori" dai paesi vicini, Italia in primis.

Il risultato della consultazione non Ť scontato. Anche perchť, per modificare della Costituzione, Ť necessario non soltanto il 51% dei consensi, ma anche il sž della maggior parte dei cantoni. A favore del provvedimento sarebbero le grandi cittŗ, mentre sarebbero le zone rurali a vedere come "fumo negli occhi", la proposta di iniziativa popolare intitolata "per una politica della canapa che sia ragionevole e che protegga efficacemente i giovani". Sergio Savoia, presidente dei Verdi ticinesi, ha precisato al "Corriere della Sera", che se il referendum dovesse passare "taglierebbe le gambe al mercato nero, dato che la vendita della cannabis sarebbe gestita dallo Stato. Come giŗ avviene per altre 'droghe legali': tabacco, alcol...". Se Verdi, Socialisti, Partito Liberale Radicale e alcuni membri dei Popolari Democratici appoggiano l'iniziativa, decisamente critici sono Udc e Partito Evangelico. Preoccupazione, in particolare, nel canton Ticino, dove si teme che - una volta convertita la modifica costituzionale in legge - si potrebbe riversare dall'Italia una massa di frontalieri della maijuana in cerca di "canne facili" oltreconfine.

Invia un commento