FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Harry Potter: Wizards Unite, il nuovo gioco di Niantic dopo Pokémon GO

Il Wizarding World di J.K. Rowling non è mai stato così vicino a noi grazie al nuovo gioco in realtà aumentata per Android e iOS

Pokémon GO fu fenomeno globale come pochi altri prima: centinaia di persona che in pieno luglio si radunano a Central Park per inseguire un Vaporeon non è una cosa che è successa tanto spesso prima, e a ben vedere nemmeno dopo. Quella però fu una tempesta perfetta alimentata da un immaginario, quello dei Pokémon, che per la prima volta si apriva realmente a tutti, trascinando eterogenei gruppi di persone in avventure cittadine inedite.

Dopo tre anni Niantic ci riprova con Harry Potter: Wizards Unite, terzo gioco della sua storia (il primo, nonché base dell’intera infrastruttura, è Ingress) e versione in salsa J.K Rowling di un’ossatura che si è dimostrata vincente. Ancora una volta infatti il motore dell’intero gioco saranno le vostre gambe, o ancora di più, la voglia di muovervi per andare a cercare locande, serre e fortezze, il tutto però sostenuto da da una sovrastruttura ludica molto più profonda e appagante.

Con colui che non deve essere nominato ormai pallido ricordo, l’obiettivo dei novelli maghi è aiutare Harry Potter e l’ufficio di Hermione a contenere la Calamità, anomalia del Wizarding World che mette a repentaglio la sua stessa segretezza. Il mondo si è infatti riempito di Smarriti, oggetti magici da far tornare al loro posto difesi da Soqquadri, che sono gli incantesimi o le creature magiche che li difendono. Una volta individuati, questi vanno ricondotti a più miti consigli tramite utilizzo di incantesimi appropriati, eseguiti ovviamente nel miglior modo possibile: se la scelta della giusta contromagia è automatica, l’esecuzione è tutta del giocatore. Sullo schermo infatti apparirà una linea da seguire con il dito e in base a quanto fedele e veloce sarà la gesture tanto efficace ne risulterà l’incantesimo effettuato.

Se questa è proprio la base del gioco, che è di fatto la riproposizione delle meccaniche di ricerca e cattura dei Pokémon, tutto ciò che gli ruota intorno è invece più strutturato e profondo: il nostro alter ego infatti, oltre a scegliere bacchetta e casata, potrà anche scegliere la sua professione tra Auror, Magizoologo o Insegnate, ognuno dotata di lungo albero delle abilità da sbloccare che ne potenzierà i poteri.

La professione, esattamente come tutti gli elementi che caratterizzano il nostro mago, sono modificabili in qualsiasi momento perché Harry Potter: Wizards Unite è un gioco che punta tutto sulla cooperazione. Riuscire a sbloccare interamente una fortezza, luogo nel quale vanno sfidati in successione nemici di diversa potenza, richiede cooperazione con altri giocatori e magari la giusta presenza di diverse professioni (gli Auror fanno molti danni per esempio, ma i Magizoologi possono curare tra una sfida e l’altra).

Dove però Wizards Unite eccelle è nella mole di piccole cose da fare, trovare e catalogare. Ci sono infatti dieci categorie (divise a loro volta in tre diverse pagine) che spaziano dalla Cura delle creature Magiche ai Manufatti Misteriosi che vanno pazientemente riempite con tutti gli Smarriti sparsi in giro per il modo: dai Bolidi alle Uova di Aragog, dai Manifesti segnaletici degli evasi alle copie del Cavillo, ogni oggetto (o personaggio) significativo creato da J.K. Rowling è trasformato in collezionabile e scagliato in giro per il mondo solo per essere ritrovato. Senza parlare delle pozioni da creare (con tanto di gesture che ne riducono i tempi di preparazione), piante da far crescere o Passaporte da sbloccare.

Se Pokémon GO faticava nell’offrire un’esperienza completa e rotonda, Wizards Unite invece non si tira indietro, diventando un piccolo compendio dell’intero mondo magico di Warner e Rowling. Dove invece il gioco Niantic non fa sconti è nella gestione dell’energia magica: ogni incantesimo infatti costa energia e questa si recupera con una certa fatica. Quest giornaliere, serre o locande ne possono rigenerare un piccolo quantitativo, ma se non avete intenzione di passare dalle micro transazione preparatevi a fare delle lunghissime camminate, o quantomeno ad abitare sopra una locanda. Anche la gestione delle Passaporte è da limare, visto che la distanza percorsa è conteggiata solo se l’app è aperta e non se lavora in background.

Detto questo, anche se forse non dirompente in termini di appeal verso il grande pubblico (ma diamogli il tempo di crescere), Harry Potter: Wizards Unite è un netto passo avanti nella formula inventata da Niantic, capace di aggiungere un senso di progressione appagante e stratificato oltre che una mole di contenuti impressionante per qualità e fedeltà al materiale originale e una veste grafica decisamente più evocativa.



Come lo abbiamo giocato

Abbiamo scaricato Harry Potter: Wizards Unite su iPhone X al lancio in Italia, tenendo di fatto l'applicazione costantemente attiva perché si sa, non c'è pausa nella ricerca degli Animali Fantastici.


Può piacere a chi…
… adora Harry Potter
… è a suo agio con lunghe passeggiate
… apprezza il tipo di esperienza offerta da Niantic

Potrebbe deludere chi…
… si aspetta di avere tutto senza muoversi
… vorrebbe un'esperienza competitiva e non cooperativa
… ha il marchio nero tatuato sull'avambraccio

Harry Potter: Wizards Unite è un gioco consigliato a un pubblico di tutte le età.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali