FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il patrimonio del Fai si fa sempre più sostenibile: via al progetto con Edison per abbattere gli sprechi energetici

Gli interventi sono partiti dalla Cavallerizza di Milano e porteranno a un taglio delle emissioni di CO2 fino a 500 tonnellate lʼanno

Il patrimonio storico e artistico italiano gestito dal Fai, il Fondo ambiente italiano, da oggi sarà sostenibile a livello ambientale. Merito di un progetto avviato con Edison, che ha l'obiettivo di rendere più efficienti a livello energetico alcuni dei beni tesori più belli del nostro Paese. "Oggi iniziamo un percorso per trovare le soluzioni migliori che permettano di minimizzare il consumo e lo spreco energetici, ma anche di valorizzare lo scopo dei beni storici del Fai", ha spiegato Paolo Quaini, direttore Servizi energetici e ambientali di Edison. "Nei casi che abbiamo già realizzato, o che sono in fase di analisi, il risparmio di gas e di energia elettrica si aggira intorno al 30%".


Gli interventi sono partiti dalla Cavallerizza di Milano, sede della Fondazione dove vengono conservati i volumi storici della Biblioteca Nazionale Braidense, e continueranno con Villa Necchi Campiglio a Milano, Villa e collezione Panza a Varese, Villa dei Vescovi a Luvigliano di Torreglia (Padova) e con il Castello e Parco di Masino a Caravino (Torino). Si stima che grazie agli interventi con Edison sarà possibile abbattere le emissioni di CO2 fino a 500 tonnellate l'anno.

Il progetto rientra in un percorso di efficientamento energetico degli edifici che il Fai ha attivato dal 2015 per la riduzione del 15% in dieci anni delle emissioni di CO2. "Oggi diciamo che si può vivere consapevolmente usando meno energia - ha detto Marco Magnifico, vice presidente del Fai -. Abbiamo 180mila iscritti e aziende come Edison che appoggiano questa nostra missione culturale, sociale e civile. Penso che l'obiettivo sarà raggiunto".


La collaborazione tra Fai ed Edison ha preso il via con uno "smart audit" negli edifici storici, installando dei sistemi digitali in grado di rilevare e analizzare i consumi, evidenziando le aree di miglioramento negli usi energetici, gestire da remoto le regolazioni e indirizzare gli interventi sia per evitare gli sprechi, sia per sostituire apparecchiature obsolete o rimodellare le modalità di utilizzo dell'energia. Nella sede della Cavallerizza, ex maneggio militare dove è conservato uno dei patrimoni librari più prezioso del Paese, i volumi storici della Biblioteca Nazionale Braidense, grazie a questo sistema si è individuata nella sostituzione degli impianti di riscaldamento la soluzione migliore per la conservazione del patrimonio e per una maggiore efficienza. La sostituzione del vecchio impianto con uno nuovo a pompe di calore a gas abbatterà di 25 tonnellate le emissioni di CO2 in un anno, per 9mila euro di risparmio in bolletta, che il Fai potrà dedicare ad altri scopi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali