FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Detox di fine inverno: la prova costume si costruisce adesso

Anche se l’estate sembra lontana, è questo il momento giusto per cominciare a rimettersi in forma 

I cibi giusti per la tua dieta detox

Anche se l’estate ci sembra ancora un miraggio lontano, la fine dell’inverno è il momento giusto per cominciare a lavorare alla nostra silhouette, un po’ appesantita dalla pigrizia invernale e dal poco movimento legato alle restrizioni dei vari lockdown. Per rimettersi in linea in modo corretto e graduale servono tempo e strategia: le diete lampo non sono efficaci e rischiano di innescare il temibile effetto yoyo, con il peso che scende e poi risale precipitosamente. Meglio giocare d’anticipo, dunque, a cominciare da un breve periodo di detox, nel quale eliminare le scorie della stagione fredda e purificare l’organismo. 

DETOX INVERNALE – Molti pensano che l’inverno non sia un buon momento per la depurazione: le stagioni deputate a questa cura sono per tradizione la primavera e l’autunno. In realtà, la primavera non è lontana, ma anche la fine dell’inverno è un buon periodo per smaltire le tossine in eccesso, per purificare il corpo e per sfruttare il desiderio di nuove abitudini che cominciamo ad avvertire dopo il lungo periodo di freddo. 

 

I SEGNALI DELL’ORGANISMO - È il nostro stesso corpo a segnalarci la necessità di una fase di purificazione. I sintomi a cui prestare attenzione sono il senso di pesantezza dopo i pasti, la sonnolenza che ci può cogliere in vari momenti della giornata, una irritabilità maggiore del solito. 

 

TANTI Sì, QUALCHE NO – Le diete detox sono, per loro natura, povere di alcuni nutrienti importanti tra cui sodio, potassio, calcio, zinco, tiamina, vitamina D, e molto ricche di fibre: non devono essere seguite se non per breve tempo, in genere non oltre tre giorni, ma ci si può limitare a un giorno soltanto. È possibile invece ripeterle con cadenza regolare, ad esempio una volta al mese. Possono essere seguite solo da chi è in buona salute mentre non sono adatte in gravidanza, allattamento e in caso di patologie renali.  L’ideale è chiedere al proprio medico o al nutrizionista un programma personalizzato: i nostri consigli hanno dunque un valore informativo e non devono sostituirsi a un parere medico. 

 

PREPARAZIONE – La prima fase di un percorso detossinante consiste nell’eliminare una serie di sostanze e di alimenti tra cui caffè, zuccheri aggiunti, bevande alcoliche, dolcificanti sintetici, grassi saturi e idrogenati (presenti in burro, grassi animali, margarine, junk food), farmaci non necessari. 

 

LA DIETA – La dieta vera e propria si fonda sul consumo di frutta e verdura. I vegetali costituiscono il 50% della prima colazione, mentre il restante 50% prevede latte vegetale, tè bianco o verde, cereali senza glutine come miglio, mais, riso, sotto forma di crackers e di gallette, piccole quantità di frutta secca come mandorle e noci. La frutta e soprattutto la verdura sono al centro dei pasti principali: pranzo e cena devono essere costituiti per circa due terzi da verdura e per il restante 30-40% da legumi (ceci, lenticchie, piselli, fave, lupini), cereali senza glutine come riso, quinoa, amaranto, mais, patate dolci. Sono da preferire i frutti drenanti come l'ananas, quelli ricchi di vitamina C tra cui gli agrumi e il kiwi, gli antiossidanti come mirtilli e frutti rossi. Le verdure con i maggiori effetti disintossicanti sono le verdure a foglia verde, i carciofi, i finocchi, il sedano e i broccoli. Per condire e insaporire si possono usare olio extravergine di oliva a crudo, succo di limone, sesamo, semi di papavero, avocado, mentre è vietato l'uso del sale. i può anche aggiungere allo schema alimentare una porzione di pesce al vapore. 

 

L’ACQUA E I LIQUIDI – L’acqua ha una funzione fondamentale nell’eliminazione delle scorie, attraverso l’urina e il sudore. Quindi beviamo in abbondanza, anche più del solito: cominciamo al risveglio a digiuno con un bicchiere di acqua calda o a temperatura ambiente, eventualmente con l’aggiunta di succo di limone e zenzero; nella giornata, oltre all’acqua, possiamo sfruttare il potere disintossicante di tisane a base di tarassaco, finocchietto, carciofo. Il tè verde è un altro alleato utile, da consumare a colazione, a metà pomeriggio o tutte le volte che ne sentiamo il desiderio. 

 

I RISULTATI - Pur non essendo un regime finalizzato a perdere peso, è frequente che un regime detossinante faccia scendere di chilo o due l’ago della bilancia. Dopo aver ripulito l’organismo da scorie e tossine, siamo pronti per adottare uno stile di vita sano, in cui una alimentazione varia e moderata, associata a una corretta attività fisica, ci porteranno ad essere snelli e tonici al momento di indossare il costume da bagno.  

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali