Linea e gusto

Cibi brucia grassi: scopri gli alimenti a “calorie negative”

Per assimilarli si deve consumare più energia di quanta ne apportano

12 Feb 2021 - 05:00
1 di 10
© Istockphoto  | Anche se non esistono cibi di per sé brucia grassi, esistono alimenti che richiedono più energia per essere assimilati di quanta ne forniscano all'organismo© Istockphoto  | Anche se non esistono cibi di per sé brucia grassi, esistono alimenti che richiedono più energia per essere assimilati di quanta ne forniscano all'organismo© Istockphoto  | Anche se non esistono cibi di per sé brucia grassi, esistono alimenti che richiedono più energia per essere assimilati di quanta ne forniscano all'organismo© Istockphoto  | Anche se non esistono cibi di per sé brucia grassi, esistono alimenti che richiedono più energia per essere assimilati di quanta ne forniscano all'organismo

© Istockphoto | Anche se non esistono cibi di per sé brucia grassi, esistono alimenti che richiedono più energia per essere assimilati di quanta ne forniscano all'organismo

© Istockphoto | Anche se non esistono cibi di per sé brucia grassi, esistono alimenti che richiedono più energia per essere assimilati di quanta ne forniscano all'organismo

Hanno buon sapore, sono alimenti salutari e, in più, consumarli abitualmente, può addirittura aiutarci a perdere un po’ di peso: ci sono cibi, infatti, che contengono di per sé poche calorie e che, al netto dell’energia necessarie per il normale processo di digestione, arrivano a un saldo negativo. In pratica, per digerire mele, asparagi, papaya, caffè, cavolfiore e altro ancora, si bruciano più calorie di quante ne introduciamo mangiandoli. Vediamo come funziona il meccanismo e quali sono gli alimenti che possiamo concederci senza ombra di senso di colpa. 

QUALCHE PRECISAZIONE – Fermo restando che ogni alimento contiene calorie e quindi non esistono cibi capaci di farci dimagrire di per sé altrimenti saremmo tutti snelli come virgulti, è vero però che il fatto stesso di mangiare ci fa consumare calorie: la masticazione è un movimento che richiede una certa, sia pur piccola, quota di energia, mentre la digestione è una funzione piuttosto impegnativa per l’organismo. Il sistema digestivo, per assimilare il cibo e renderlo disponibile per l’organismo, compie un lavoro non indifferente che richiede a sua volta energia. Questo meccanismo si chiama termogenesi: il termine significa produzione di calore e può essere più o meno impegnativo a seconda degli alimenti: quanto più lavoro occorre per assimilare un certo cibo, tante più calorie saranno necessarie per questo “sforzo”. Questo non significa essere alle prese con alimenti pesanti o difficili da digerire: è il loro contenuto di fibre a rendere necessario un impegno supplementare; ci sono poi alcuni nutrienti in grado di aumentare il ritmo metabolico. Ecco allora quali sono i cibi che ci possono dare una mano nella nostra dieta.

MELA VERDE – Il valore aggiunto di questa varietà, rispetto alle altre, sta nel fatto che contiene una maggiore abbondanza di fibre alimentari a fronte di poco più di 50 calorie per 100 grammi di frutto. Prendiamo l’abitudine di consumarla con la buccia: la pectina di cui è ricca aiuta a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue e a normalizzare quelli di zuccheri e di insulina.

CAVOLFIORI E ASPARAGI – I cavolfiori contengono circa 25 calorie ogni 100 grammi, gli asparagi 20. I primi sono ricchi di fibre, utili per il benessere dell’intestino, e contribuiscono ed evitare i picchi di glicemia, responsabili del classico “buco nello stomaco”. Le stesse proprietà si riscontrano negli asparagi, costituiti per la maggior parte d’acqua e quindi con buone proprietà diuretiche. 

CETRIOLI E ZUCCHINE – Anche in questo caso, l’apporto energetico è molto basso (circa 21 calorie per 100 grammi per le zucchine e appena 15 per i cetrioli). Entrami gli ortaggi sono molto ricchi di acqua e hanno un buon potere saziante: i cetrioli sono anche una buona fonte di potassio, ferro, calcio e vitamina C. 

SEDANO – Grande protagonista del pinzimonio, questo ortaggio ha moltissime proprietà salutari. Contiene appena 16 calorie per 100 grammi, è composto al 75% di acqua e al 25 per cento di fibre In più fornisce un giusto apporto di sodio e potassio.

CARNI BIANCHE: POLLO E TACCHINO – In una alimentazione sana e variata la carne ha un ruolo importante. Il tacchino contiene 145 calorie ogni 100 grammi, mentre 100 grammi di pollo arrivano a 172 calorie. Essendo fonti di proteine, richiedono un certo impegno da parte del sistema digestivo per assimilarle, e quindi sono a buon diritto annoverabili tra i cibi a calorie negative. 

POMODORI – Hanno moltissime proprietà e appena 18 calorie per un etto di ortaggio. Sono ricchi di acqua, vitamina C, licopene, dal potere antiossidante, acido citrico che facilita la digestione. Il loro potere saziante e nutriente li rende protagonisti di ogni dieta. E con il loro bel colore rosso appagano anche la vista.

PAPAYA Anche in questo caso a poche calorie (appena 43 per 100 grammi di frutto) si accompagnano tante virtù. La papaya dà una mano alla regolarità intestinale, regolarizza il colesterolo, contiene molti antiossidanti ed è ricca di vitamina A, C ed E che rinforzano le pareti arteriose. 

PEPRONCINO – Apporta circa 40 calorie ogni 100 grammi e, ovviamente, “brucia” in tutti i sensi. Contiene una sostanza chiamata capsaicina, in grado di stimolare la lipolisi, ovvero il metabolismo dei grassi, e di aumentare il metabolismo, indicendo il corpo a bruciare più calorie. 

CAFFÈ E TÈ – La tazzina di espresso, se non si aggiunge zucchero o altro, contiene appena due calorie e ha riconosciuti effetti brucia grassi. Il tè verde contiene invece catechina, un antiossidante naturale che aumenta il metabolismo,  bruciando calorie.
 

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri