FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torino, 15 arresti per la tentata rivolta nel centro migranti

Ingenti i danni arrecati alla struttura: almeno 30 posti letti andati distrutti

Torino, 15 arresti per la tentata rivolta nel centro migranti

Quindici persone sono state arrestate dalla polizia per la tentata rivolta, avvenuta nel pomeriggio del 17 ottobre, al Cpr di Torino. Si tratta di magrebini che erano trattenuti nel Centro di permanenza e rimpatrio da oltre un mese. Secondo gli investigatori, sono stati loro ad aver provocato le tensioni nella struttura, dove, all'interno di quattro moduli abitativi, è stato dato fuoco a materassi e masserizie. L'accusa è danneggiamento.

Gli inquirenti hanno quindi identificato i fomentatori che mercoledì hanno tentato di scatenare la rivolta al Cpr. Alcuni ospiti avevano dato fuoco a materassi e masserizie in quattro aree della struttura. I posti andati distrutti, all'interno dei moduli abitativi del centro di corso Brunelleschi, sarebbero più di 30. Le fiamme sono state domate dai vigili del fuoco e un agente di polizia era rimasto leggermente intossicato per aver respirato i fumi. Colto da malore, è stato portato nell'infermeria interna.

"L'ennesima rivolta, con l'incendio coordinato di più moduli abitativi in quasi tutte le aree, ripropone il tema della carenza di personale dell'Ufficio immigrazione e di quello adibito alla vigilanza della struttura", interviene il segretario generale provinciale del Siap, Pietro Di Lorenzo. "I danni sono ingenti - continua -. La tipologia degli ospiti rende il Cpr una polveriera, ma certo la carenza di personale non aiuta".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali