FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Monza, convince il fidanzato a uccidere l’ex e poi lo accusa: arrestata

Marina Spinelli, 19 anni, è la mandante del tentato omicidio: “Deve morire a calci in bocca”, scriveva poco prima dell'aggressione

Aveva detto alle forze dell’ordine di essere solo una testimone, ma invece sembra essere proprio lei la mandante dell’omicidio. Secondo gli inquirenti Marina Spinelli, 19enne incensurata, avrebbe convinto il suo attuale ragazzo, Omran Mohanad, a uccidere l’ex fidanzato. A testimoniarlo sono i messaggi inviati al nuovo compagno nei quali dice che l'ex "Deve morire". La ragazza è stata arrestata.

Marina aveva dichiarato di aver solo assistito all’aggressione dell’ex fidanzato, 27 anni, avvenuta ai giardini di San Rocco a Monza il 15 settembre. Lei stessa ha accusato il proprio compagno, dicendo che era stato spinto da un attacco di gelosia. I messaggi mostrano invece che era stata lei ad attirare l’ex al parco, con la scusa di comprare della marijuana. Mentre parlava con lui, scriveva al nuovo fidanzato: “Non vuole seguirmi, non riesco a portarlo dietro agli alberi. Siamo qui sulla panchina, non vuole spostarsi, c’è un sacco di gente intorno”.

 

 

Omran Mohanad e suo cugino, due 20enni italo-egiziani, erano già stati arrestati nelle scorse settimane per essere gli autori materiali dell’aggressione. Ora anche Marina è stata fermata e portata in carcere a San Vittore, con l’accusa di essere mandante di un tentato omicidio: “Deve morire a calci in bocca mentre tu lo tieni fermo, deve finire nel sangue”, scriveva a Omran qualche settimana prima.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali