FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Consiglio Ue, commissario per i diritti umani: "LʼItalia approvi adozioni gay"

Secondo Nils Muiznieks, il nostro Paese deve adeguarsi alle sentenze della Corte di Strasburgo

Consiglio Ue, commissario per i diritti umani: "L'Italia approvi adozioni gay"

Con la norma sulle unioni civili e le adozioni "l'Italia non sta creando nuovi diritti ma semplicemente eliminando la discriminazione basata sull'orientamento sessuale". E' quanto sottolinea il commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa, Nils Muiznieks. Secondo il commissario la giurisprudenza della Corte di Strasburgo "è chiara: se le coppie etero non sposate possono adottare i figli del partner, lo stesso devono poter fare le coppie gay".

Per il commissario del Consiglio d'Europa "è positivo che l'Italia finalmente discuta di una legge che riconosca legalmente le coppie dello stesso sesso". "Quello che ritengo meno positivo - ha aggiunto - è tutto questo dibattito emotivo e non fattuale sull'articolo" che riguarda le adozioni".

Secondo Muiznieks, "la discussione sull'impatto negativo che ha sul minore l'essere allevato da una coppia omosessuale è un argomento pretestuoso smentito da una crescente quantità di ricerche scientifiche". "Spero quindi - ha concluso il commissario - che il parlamento italiano farà la cosa giusta e adotterà la legge sulle unioni civili permettendo le adozioni".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali