FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Migranti, Tirana chiede poliziotti italiani per presidiare le frontiere

Dal 15 marzo, una ventina di poliziotti in aiuto in caso di arrivo di flussi, dopo la chiusura della rotta dei Balcani. Lʼallarme dalla Grecia: "Emergenza al culmine, gli Stati membri accettino i ricollocamenti"

Migranti, Tirana chiede poliziotti italiani per presidiare le frontiere

Dal 15 marzo una ventina di poliziotti di frontiera italiani saranno in Albania per rafforzare le frontiere del Paese. L'invio avviene su richiesta delle autorità di Tirana, nel quadro di un rafforzamento della cooperazione tra Italia e Albania per affrontare la questione della prevenzione del fenomeno migratorio e della sua gestione, in caso di arrivo di flussi, dopo la chiusura della rotta dei Balcani. La Turchia assicura: "Rispetteremo accordo Ue".

Sarà Tirana, Si apprende da fonti a Bruxelles, a decidere su quali confini dispiegare i poliziotti italiani.

Giovedì sia il ministro dell'Interno Angelino Alfano sia il ministro della Difesa Roberta Pinotti avevano sottolineato l'importanza di una partnership con l'Albania per gestire un'eventuale flusso di migranti verso le coste italiane, attraverso l'Adriatico, in seguito alla chiusura della cosiddetta "rotta balcanica".

L'Albania e la Turchia "saranno i capisaldi della strategia di contrasto dei flussi migratori", ha detto in particolare Alfano, secondo cui "dobbiamo convincere la Turchia ad aiutarci perché essa stessa non faccia uscire i migranti e quindi non vengano verso nord; l'Albania, invece, deve sorvegliare meglio i confini e il terrorismo".

"Stiamo lavorando con l'Albania a tutti i livelli per evitare che si apra un altro fronte", ha aggiunto il ministro Pinotti. A suo avviso, il "rischio" di un nuovo flusso di migranti "esiste ma l'Albania è un Paese amico e stiamo lavorando per impedire che questa cosa avvenga", ha concluso il ministro della Difesa, precisando che al momento non ci sono indizi per dirlo ma "solo una preoccupazione".

Intanto la Grecia lancia un nuovo allarme: "La crisi umanitaria raggiunge il suo culmine. Gli Stati membri accettino con urgenza i ricollocamenti. E' il momento di attuare", afferma il commissario europeo Dimitris Avramopoulos su Twitter.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali