FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Roma, dopo 20 anni torna Orlan in una veste più... digitale

“VideORLAN - Technobody” ripercorre l’intera avventura artistica della nota performer francese: dalle prime sculture fotografiche alle ultime opere che usano la realtà aumentata e il 3D

A vent’anni da "Orlan a Roma 1964-1996", l’artista e performer francese Orlan - nota per la sua radicalità, per il coraggio e per l'innata capacità di cavalcare lo spirito dei tempi - torna nella Capitale in una veste inedita: in 3D. La mostra "VideORLAN - Technobody" - al Macro di Roma dal 25 ottobre al 3 dicembre 2017 - è caratterizzata da un sorprendente uso del digitale, frutto del recente affacciarsi dell'artista a una realtà virtuale apparentemente opposta e simmetrica alla carnalità dei lavori che hanno caratterizzato il suo percorso precedente.

Roma, al Macro il ritorno di Orlan con “VideORLAN - Technobody”

La mostra - L’esposizione - a cura di Alessandra Mammì, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, e realizzata in collaborazione con Villa Medici e con Studio Stefania Miscetti - ripercorre l’intera avventura artistica di Orlan, dalle prime sculture fotografiche, alle performance registrate su video, fino alle ultime opere che usano la realtà aumentata e il 3D. Per la prima volta in Italia, inoltre, sarà sperimentato “Expérimentale Mise en jeu”, un videogioco con installazione interattiva, in cui Orlan parte dalle rovine per sfidare il visitatore a ricostruire il mondo.

Opere - In mostra, inoltre, “Self-hybridations”, la recente serie di opere di realtà aumentata che, a partire dalle maschere dell'Opera di Pechino, trasforma Orlan in un avatar in 3D che salta acrobaticamente fuori dal quadro, occupando iPad e smartphone dei visitatori. L'opera è portatrice di un messaggio politico che contesta le regole del teatro lirico nazionale cinese, nel quale il palcoscenico è ancora vietato alle donne. E ancora “MèsuRages” (1968-2012), alcune azioni in cui Orlan usa il proprio corpo come unità di misura riprendendo al femminile la massima pitagorica che "l'uomo è misura di tutte le cose". Si tratta ancora di una scelta politica, atta a esprimere la sua rabbia e la volontà di restituire al corpo femminile un potere di controllo e occupazione di spazio.

Il digitale - Per la performer francese, il digitale rappresenta un modo diverso di costruire le immagini e di traghettare i temi cult della sua arte (il corpo, la sessualità, gli stereotipi di bellezza, le imposizioni culturali, politiche, religiose, e l’ampia simbologia che va dalla metamorfosi all’ibrido) verso universi più impalpabili, ma non meno potenti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali