FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Scontro tra treni in Puglia, parenti delle vittime: "La sicurezza dei trasporti non è un gioco"

A un anno dallʼincidente che provocò 23 morti e 50 feriti, i familiari delle vittime reclamano ancora giustizia: "Tutti devono ricordare e nessuno deve più morire"

Scontro tra treni in Puglia, parenti delle vittime: "La sicurezza dei trasporti non è un gioco"

"Il 12 luglio diventi per sempre la giornata per la sicurezza dei trasporti, affinché tutti ricordino e nessuno debba più morire". E' questo l'appello rivolto alla Regione Puglia dai parenti delle vittime dello scontro tra treni avvenuto un anno fa tra Andria e Corato. "E' importante capire che la sicurezza nei trasporti non è un gioco: le leggi vanno applicate senza se e senza ma", ha affermato la figlia di una delle 23 vittime.

A un anno esatto dalla strage, le città di Andria e Corato ricordano le vittime dell'incidente ferroviario con 23 rintocchi di campane e messe di suffragio. A Corato in particolare, nella piazza antistante la stazione delle Ferrovie del Nord barese, è stata intitolata una targa alle "vittime dell'incidente ferroviario del 12 luglio 2016".

"Non vediamo l'ora di leggere i nomi degli imputati" - Probabilmente furono proprio carenze sulla sicurezza a causare lo scontro, o meglio, come ipotizzato dalla magistratura tranese, "a non impedirlo". L'indagine della Procura di Trani è ormai alle battute finali. "Non vediamo l'ora di leggere i nomi degli imputati, perché di indagati non ne vogliamo più sapere", ha dichiarato ancora Daniela Castellano.

Stando agli accertamenti disposti dai pm, a causare l'incidente sarebbe stato un errore umano dovuto all'utilizzo del blocco telefonico su una linea a binario unico. Nell'inchiesta sono indagate 13 persone per i reati di disastro ferroviario colposo, omicidio colposo plurimo, lesioni personali colpose plurime e omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali