FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Lʼultimo post di Noemi su Facebook: "Non è amore se fa male"

Una poesia in spagnolo e lʼimmagine di una donna con il volto coperto di lividi: gli investigatori hanno capito che quella era la pista giusta da seguire e hanno messo alle strette il fidanzato della 16enne scomparsa misteriosamente

A poche ore dalla confessione del fidanzatino e del ritrovamento del suo corpo, l'ultimo post pubblicato su Facebook da Noemi Durini, la sedicenne di Specchia (Lecce) che era misteriosamente scomparsa all'alba del 3 settembre e che era stata gettata nel pozzo dal ragazzo al quale era legata, suona come una premonizione. "Non è amore se fa male", scriveva la giovane traducendo una poesia in spagnolo pubblicata su una pagina del social network. Parole rese ancora più drammatiche dall'immagine che le accompagnava: il volto di una ragazza coperto di lividi e con una mano premuta sulla bocca. Gli investigatori, partendo proprio da quest'ultima traccia in Rete della giovane, sono riusciti a dipanare la matassa, mettendo alle strette proprio il fidanzato 17enne di Noemi, l'ultimo ad averla vista in vita, fino a indurlo alla confessione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali