FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

4/12/2008

Malone: "Oggi il porno è dopato"

A Tgcom il pornodivo da 2000 film

Il porno italiano, quello degli anni d'oro, sul fronte maschile ha sicuramente due volti (e non solo...): quello di Rocco Siffredi e di Roberto Malone. Il secondo ancora di più ha attraversato tutta la sua storia, dai primi film del 1984 a oggi, per un totale di 2000 pellicole. "Oggi non è più come ai nostri tempi - dice Malone a Tgcom -. Non c'è più professionalità e l'ambiente è invaso da gente che fa il porno aiutandosi con le pilloline...".

Per le sue mani sono passate praticamente tutte le pornostar che abbiano calcato le scene dell'hard in Italia, da Moana Pozzi e Cicciolina a quelle più recenti. Roberto Malone (al secolo Roberto Pipino) ha fatto la storia di questo genere diventando poi un volto noto anche al di fuori dell'hard come uno dei primi pornodivi a passare sugli schermi della tv generalista. A partire dalle sue ospitate al Maurizio Costanzo Show, dove raccontò la sua incredibile vicenda di marito normale che alla mattina usciva per andare a fare... il porno. Tutto all'insaputa dalla moglie e per anni prima di venire scoperto. Ma al di là delle qualità fisiche per le quali è noto nell'ambiente, è anche il prototipo di un attore hard in via di sparizione, quello in grado anche di recitare, tanto che al momento si trova sul set con Fabrizio Bentivoglio per un film "serio" prodotto da Sky.

Come è iniziata la tua avventura nel porno?
Prima di iniziare a fare l'hard vero e proprio, avevo già avuto esperienze in spettacolini live in Austria e Germania. In quel periodo, nei primi anni 80, iniziava a diffondersi il porno al cinema e quello che mi ha cambiato la vita è stato l'incontro con un distributore di Torino che mi ha proposto di provare. 

E tu ti sei buttato in questa avventura facendo film per anni all'insaputa di quella che allora era tua moglie...
Ho iniziato di nascosto perché è tabù oggi, figuriamoci cosa poteva essere trent'anni fa. Era difficile da spiegare sia a mia moglie che alla società in generale. Diciamo che in Italia praticamente non esistevano attori. Gli unici, a parte in America, venivano da Svezia, Francia, Germania. Essendo stato uno dei primi ho chiaramente fatto clamore.

(Clicca e continua a leggere l'intervista. Malone parla delle sue pornodive preferite e di come oggi il porno sia decaduto, tra stelline effimere e attori che fanno uso di "aiutanti"...)