FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Vaccini, approvato lʼemendamento che proroga lʼautocertificazione fino a marzo 2019 | Presidi: "Sarà il caos"

Sufficiente la dichiarazione della famiglia perché i bambini possano frequentare scuole e asili. Ma il governo chiarisce: "Non viene intaccato lʼobbligo delle vaccinazioni"

Approvato dalle Commissioni Bilancio e Affari costituzionali un nuovo emendamento sui vaccini al decreto Milleproroghe che proroga per quest'anno scolastico la validità dell'autocertificazione. I presidi sul piede di guerra: "Aumenterà il caos che già regna nelle scuole". Rimane comunque l'emendamento presentato mercoledì, che ha ripristinato l'obbligatorietà dei vaccini prevista dalla legge Lorenzin.

"Questa è una fase in cui serve certezza del diritto, sgomberare il campo dalla confusione - ha sottolineato il presidente dell'associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli -. Questo emendamento non sembra andare in tale direzione". Dissenso anche per il termine del 10 marzo previsto dall'emendamento: "E' eccessivo".

Cosa dice l'emendamento - Con l'approvazione dell'emendamento, l'autocertificazione della famiglia sarà ritenuta valida fino al 10 marzo 2019. Entro quel termine i genitori sono tenuti a procurare "la documentazione comprovante l'effettuazione delle vaccinazioni obbligatorie", come prevede il nuovo emendamento dei relatori al Milleproroghe.

Conte: "Regime transitorio per consentire l'avvio delle scuole" - Il premier Giuseppe Conte ha spiegato così l'ultima mossa sulla normativa: "Sui vaccini dobbiamo dare certezza alle famiglie, per questo è intervenuto un nuovo emendamento che assorbe quello precedente ed estende il regime individuato come transitorio per consentire l'avviamento dell'anno scolastico".

Il sottosegretario: "L'obbligo vaccinale resta" - Il sottosegretario alla Salute Armando Bartolozzi assicura che "l'obbligo vaccinale non viene intaccato", spiegando che l'emendamento sulla proroga dell'autocertificazione era necessario per fare "chiarezza". Il governo ha anche detto che su questo tema c'è stata "un'informazione distorta" e a questo si deve il "caos".

Madia: "Ritorno al Medioevo" - Protestano le opposizioni, guidate dagli ex ministri della Salute Beatrice Lorenzin e della Pubblica amministrazione Marianna Madia. "L'autocertificazione - ha detto la Madia - non è una semplificazione per le famiglie. Al momento in cui il bambino viene vaccinato, viene consegnato un foglio timbrato alle famiglie, che quindi lo hanno già in casa e non avrebbero alcuna difficoltà a portarlo a scuola. Questo emendamento asseconda solo una ideologia medievale".

Saitta (Regioni): "Senza parole" - "Sono senza parole", ha commentato il coordinatore degli assessori alla Sanità Antonio Saitta alla notizia del nuovo emendamento, concludendo: "Vediamo ora cosa succede".

L'Ordine dei medici: "Si verifichino le autocertificazioni" - Sulla questione è intervenuto anche il presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici, Filippo Anelli, che ha dichiarato: "Chiediamo che ci sia una verifica sistematica delle autocertificazioni. Comprendiamo e siamo solidali con le difficoltà dei presidi ad adeguarsi a questo provvedimento a pochi giorni dall'inizio dell'anno scolastico. Invitiamo perciò il ministero a sollecitare le Regioni all'istituzione rapida e in maniera uniforme delle anagrafi vaccinali".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali