FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Mondo >
  • Rosetta, missione compiuta: la sonda Philae è atterrata sulla cometa

Rosetta, missione compiuta: la sonda Philae è atterrata sulla cometa

L'impresa dell'Agenzia Spaziale Europea è cominciata dieci anni fa. Dopo una discesa di otto ore la sonda è giunta sull'asteroide

- "Riceviamo segnali dalla superficie", con questo tweet l'Esa, l'Agenzia Spaziale Europea, ha annunciato al mondo intero di aver portato il robot Philae sulla superficie della cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko. La missione della sonda Rosetta, cominciata dieci anni fa, è dunque riuscita. Ora si attendono dal lander Philae immagini e dati dalla cometa che potrebbero aprire scenari inimmaginari sulla ricerca spaziale e l'origine dell'universo.

    Renzi: "Orgogliosi per tecnologia italiana" - "E' un giorno storico, dobbiamo essere orgogliosi che la tecnologia italiana abbia contribuito a portare" la missione Rosetta dell'Agenzia Spaziale Europea "fin laggiù". Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio Matteo Renzi, che accompagna al messaggio l'hashtag "#CometLanding".

    Un viaggio iniziato dieci anni fa
    - Lanciata il 2 marzo 2004, Rosetta ha raggiunto la distanza di 511 milioni di chilometri dal nostro pianeta dopo aver rimbalzando due volte fra Terra e Marte per prendere la "rincorsa" necessaria a raggiungere la cometa. Prima di arrivare a destinazione ha avvicinato altri due fossili del Sistema Solare: gli asteroidi Steins e Lutetia.

    Il risveglio dopo 31 mesi di ibernazione - L'8 giugno 2011 la sonda è entrata in uno stato di ibernazione dal quale il computer di bordo l'ha risvegliata il 20 gennaio 2014. A maggio ha cominciato a preparare la manovra di avvicinamento che l'ha portata a diventare il veicolo che più di ogni altro si è avvicinato ad una cometa.

    L'Italia in prima linea - Nella lunga storia di Rosetta l'Italia è sempre stata in prima fila, con la planetologa Angioletta Coradini, scomparsa nel 2011, e poi con Asi, con le università Parthenope e di Padova, il Politecnico di Milano, l'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e il Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr). Importante la partecipazione dell'industria, con le aziende del gruppo Finmeccanica Thales Alenia Space, Telespazio e Selex ES.

    Sono italiani i due ricercatori alla guida della missione, Paolo Ferri e Andrea Accomazzo, e degli 11 strumenti a bordo di Rosetta tre sono italiani. Sono lo spettrometro Virtis (Visual InfraRed and Thermal Imaging Spectrometer), di cui è responsabile Fabrizio Capaccioni, dell'Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali dell'Inaf (Iaps-Inaf); Giada (Grain impact analyser and dust accumulator), progettato da Luigi Colangeli e del quale è responsabile Alessandra Rotundi, dell'università Parthenope.

    TAG:
    Rosetta
    Spazio
    Esa
    Philae
    Paolo Ferri
    Andrea Accomazzo