FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ig Nobel 2018, assegnati i premi più pazzi della scienza

Dallʼeffetto benefico delle montagne russe sui calcoli renali allʼauto-colonscopia: ecco chi ha vinto la 28° edizione

Ig Nobel 2018, assegnati i premi più pazzi della scienza

Anche quest'anno si è celebrato per il 28esimo anno di seguito l'Ig Nobel, la parodia del premio Nobel che omaggia le ricerche più bizzarre al mondo. Come di rito la cerimonia è avvenuta al Sanders Theatre, edificio storico della Harvard University a Cambridge, nel Massachusetts. Dieci gruppi di scienziati hanno ricevuto ritirato il diploma e una banconota da dieci bilioni di dollari dello Zimbabwe direttamente dalle mani di sette veri premi Nobel. "La cerimonia non è nata con l'intento di ridicolizzare la scienza - assicura il sito ufficiale - ma per "far ridere e poi pensare di nuovo". Per questa edizione nessun premio è stato assegnato a ricercatori italiani, a differenza dell'anno scorso.

La cerimonia, organizzata dalla rivista scientifica "Annals of improbable research", omaggia le ricerche inquadrandole in 10 diverse categorie che vanno dalla biologia all'economia per passare alla medicina, alla letteratura e alla pace.

Premio per la medicina - Il premio più pazzo per la medicina è stato assegnato a uno studio pubblicato a ottobre 2016 da due americani sugli effetti positivi delle montagne russe sui calcoli renali.

Premio per l'antropologia - Un altro vincitore è lo studio sull'imitazione umana degli scimpanzé. La ricerca, contravvenendo il senso comune, afferma che, sì, gli scimpanzé emulano gli umani ma è anche vero che l'emulazione interspecie corre parallela su due binari e che quindi anche gli esseri umani imitano gli animali. Lo studio, che è stato pubblicato nel gennaio 2018 da un team di ricercatori provenienti da sette diversi Paesi, ha dimostrato che circa il 10% di tutte le azioni compiute da esseri umani e scimpanzé erano imitazioni dei gesti dell’altra specie;

Premio per la biologia - Il premio per la biologia è stato vinto da un gruppo di ricercatori guidato da Paul Becher e Peter Witzgall e ha dimostrato che gli enologi possono rilevare in modo affidabile la presenza di una moscerino in un bicchiere di vino senza averlo visto prima.

Premio per la nutrizione - A vincere il premio che riguarda il campo del nutrizionismo uno studio condotto da James Cole che ha visto la collaborazione di ricercatori in Tanzania, Zimbabwe e Gran Bretagna. La ricerca ha calcolato che una dieta basata sul cannibalismo umano in termini di calorie non offre un buon apporto nutrizionale rispetto alla maggior parte delle diete carnivore. Quindi riconduce il cannibalismo a pratiche culturali e rituali e non alimentari legate a periodi di carestia.

Premio per la pace - Il premio per la pace è stato assegnato a una squadra di spagnoli e colombiani per uno studio sui motivi che spingono i conducenti a imprecare e insultare gli altri mentre guidano.

Premio per l'educazione medica - Un altro premio è stato assegnato a due medici giapponesi, Akira Horiuchi e Yoshiko Nakayama, che hann praticato un'auto-colonscopia in posizione seduta per verificare la fattibilità della procedura. "Nella nostra esperienza", afferma Horiuchi, "l'auto-colonscopia si è mostrata essere non solo possibile, ma anche semplice ed efficiente". In ogni caso, il suggerimento è di non riprovarla a casa.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali