FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lo spread Btp-Bund torna a quota 270 in attesa delle pagelle di S&P sullʼItalia

Appare difficile che lʼagenzia di rating decida di tagliare il giudizio sul nostro Paese che è attualmente due soli gradini sopra il livello junk

Torna ad infiammarsi lo spread tra Btp e Bund, che arriva a toccare quota 270 punti (per poi chiudere a 269), con il rendimento del decennale italiano che sfiora il 2,7%. A pesare sul differenziale, che tocca i massimi degli ultimi due mesi, l'attesa per le pagelle di Standard & Poor's. A far risalire lo spread anche le diverse fibrillazioni all'interno della maggioranza di governo, dove sono più d'uno i focolai di tensione tra Lega e M5s.

Lʼandamento dello spread tra Btp e Bund

A pesare sul differenziale tra Btp e Bund, oltre al clima di incertezza politica del Paese, i nuovi avvertimenti della Bce. Appare comunque difficile che l'agenzia di rating decida di tagliare il giudizio sull'Italia che è attualmente due soli gradini sopra il livello junk.

Il 25 aprile il Ftse Mib ha chiuso in lieve calo (-0,02% a quota 21.720 punti). I mercati non hanno colto la sponda delle buone trimestrali delle Big Tech statunitensi e le indicazioni che continuano a pervenire dalle banche centrali. La Bank of Japan ha indicato che i tassi rimarranno ai minimi per almeno un altro anno e anche la Riksbank svedese ha allontanato nel tempo il timing del prossimo rialzo dei tassi.

Miglior performer di giornata è stato il titolo Juventus che è balzato di oltre l'8%, recuperando in parte i cali delle ultime settimane a seguito dell'eliminazione in Champions League. Buoni rialzi perá alcuni titoli bancari (+1,63% Bper e +0,55% Ubi). Buoni intanto i riscontri arrivati da Ubs con utili trimestrali oltre le attese. Spicca poi il rally dei titoli del risparmio gestito in particolare Azimut (+2%) che dai minimi di dicembre ha accumulato una performance di +90%. A spingere il titolo in Borsa nelle ultime sedute l'attesa per i conti del primo trimestre 2019, che saranno pubblicati il 9 maggio. Questo ancora di più dopo le dichiarazioni del Presidente Pietro Giuliani che ha preannunciato risultati record.

In affanno invece il settore oil con Tenaris a -2,12%, -0,24% invece Eni che conferma la debolezza di ieri a seguito della diffusione dei conti trimestrali sotto le attese. Male anche Saipem (-0,7%) nonostante le commesse da complessivi 500 milioni di euro arrivate da Russia e Serbia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali