FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Grecia, chiuse le banche e la Borsa Tsipras: "Il popolo mantenga la calma"

La Bce mantiene i fondi. Ue: ok Eurosummit straordinario. Lagarde: "Delusa". Probabile chiusura degli istituti fino al 7 luglio, dopo il referendum. Imposto limite di ritiro massimo ai bancomat di 60 euro al giorno

Grecia, chiuse le banche e la Borsa Tsipras: "Il popolo mantenga la calma"

Le banche greche e la Borsa di Atene restano chiuse. Lo ha deciso il governo durante una riunione d'urgenza. La chiusura si potrebbe protrarre per altri 6-7 giorni fino al 7 luglio, dopo il referendum sul piano Ue. La possibilità era stata anticipata dal ministro delle Finanze Yanis Varoufakis. La Bce ha intanto smentito le voci secondo cui sarebbe stata sul punto di mettere fine ai prestiti di emergenza concessi alle banche elleniche.

La Banca Centrale, quindi, vorrebbe lasciare invariati i fondi d'emergenza per cercare di mantenere intatta la linea di liquidità. "Continuiamo a lavorare a stretto contatto con la Banca di Grecia - ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi - e approviamo con forza l'impegno dei Paesi membri a intraprendere le iniziative necessarie per affrontare le fragilità delle economie dell'area euro". Tutto ciò mentre Atene, dopo il "no" dell'Eurogruppo al piano di Tsipras, conferma il referendum sulle misure proposte dall'Ue.

Tsipras: "Depositi nelle banche sono al sicuro" - Il popolo greco deve mantenere la calma, i depositi nelle banche del nostro Paese sono completamente al sicuro". Lo ha detto il primo ministro greco, Alexis Tsipras, dopo la decisione di chiudere le banche elleniche e la Borsa di Atene da lunedì.

Tsipras chiede l'estensione degli aiuti fino al referendum - In una lettera inviata ai leader Ue, il premier greco Alexis Tsipras chiede di nuovo una estensione del piano di aiuti fino al referendum, secondo una quanto riporta il Financial Times. "Vorrei chiedere che il vostro governo riveda la propria posizione sulla vicenda e sostenga la richiesta della Repubblica ellenica di una riconsiderazione da parte dell'Eurogruppo con l'obiettivo di concedere" l'estensione.

"Questa decisione contribuirà a raggiungere lo scopo comune di un accordo reciprocamente vantaggioso, di assicurare una sostenibilità di bilancio e fiscale che permetterà alla Grecia di tornare alla crescita entro l'Eurozona", prosegue il premier ellenico nella missiva.

Ritiri massimi ai bancomat da 60 euro al giorno
- Il governo ha anche imposto un limite massimo per i prelievi ai bancomat, pari a 60 euro al giorno. Lo ha raccomandato il Consiglio per la stabilità finanziaria greco. Chi ha una carta emessa da un istituto di credito straniero potrà comunque ritirare denaro entro i limiti massimi fissati dalla banca.

Capigruppo Ue: ok Eurosummit straordinario - La conferenza dei capigruppo Ue ha approvato a larghissima maggioranza, con l'astensione del solo Ppe, la richiesta avanzata da Gianni Pittella (S&D) a Jean Claude Juncker, di tenere nelle prossime ore un Eurosummit straordinario sul caso Grecia.

Moody's: in due settimane ritirati dalle banche 8 miliardi - Nelle ultime due settimane intanto i risparmiatori in Grecia hanno prelevato dalle banche oltre otto miliardi di euro, secondo quanto scrive Moody's in una nota, sottolineando che i depositi negli istituti di credito ellenici da parte dei privati sono crollati di 44 miliardi di euro a 120 miliardi dalla fine di novembre.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali