FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torino, tentano di sequestrare una donna per un debito: fermati

Tre tedeschi, sembra investigatori privati, avrebbero caricato a forza la loro vittima su un furgoncino. Bloccati dalla polizia dopo un inseguimento a folle velocità per le vie del centro

E' stato sventato dalla polizia un sequestro di persona a Torino. Pare che dietro il tentato rapimento ci fosse un debito non pagato. Tre uomini, sembra che si tratti di investigatori privati tedeschi, hanno caricato a forza su un furgoncino una donna, legandola poi con fascette da elettricista. A dare l'allarme sarebbero stati alcuni passanti che hanno assistito alla scena, avvenuta in piazza San Carlo.

Recupero crediti dietro il tentato sequestro - Dietro il tentativo di rapimento sembra ci sia una storia di recupero crediti che parte dalla Germania secondo i primi accertamenti della squadra mobile. Tutti e tre gli arrestati sono di nazionalità tedesca e due fanno parte un'agenzia di investigazioni. E' stata fermata anche una quarta persona, loro connazionale.

La loro vittima è una cittadina serbo-australiana di 35 anni. Il compagno di lei, riuscito a fuggire, non sarebbe ancora stato individuato. Secondo una prima ricostruzione, uno degli arrestati - un tedesco che si occupava di cambio valute guadagnando il 20% su ogni operazione - avrebbe subito una truffa a Milano a giugno: aveva consegnato 50mila euro ottenendo in contropartita delle banconote poi risultate fasulle. Anziché denunciare l'accaduto alla polizia, è tornato in Germania e ha fatto svolgere le indagini privatamente. Quindi avrebbe organizzato un incontro-trappola. I due "bersagli" dei tedeschi, però, non sarebbero gli autori del raggiro. Il gruppo sarebbe arrivato a Torino passando per Aosta, dove ha messo a segno il furto di una targa poi applicata al furgone usato per il sequestro.

L'inseguimento della polizia - I testimoni del tentato rapimento hanno raccontato di aver assistito a una scena da film. Il furgone, raccontano, "viaggiava contromano e aveva i vetri oscurati". Gli uomini scesi in piazza San Carlo avevano il volto coperto da un passamontagna. In pochi istanti hanno caricato la donna a bordo, mentre l'uomo che era con lei è riuscito a divincolarsi e a scappare, urlando ai passanti di chiamare la polizia. "La signora stava passeggiando, quelli l'hanno presa e caricata su un furgone, mentre urlava", dice Saverio Moffa, dipendente di una gelateria a pochi passi dal luogo del tentato sequestro. "L'uomo che l'ha presa sembrava un buttafuori", ha aggiunto". Poi il camioncino è schizzato a folle velocità fino all'intervento delle volanti, che hanno fermato il mezzo e liberato la donna.

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali