FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Crollo della metro a Roma, spunta un nuovo video: "Vedete non saltavamo"

Nel filmato inedito, pubblicato su Twitter, si vede che gli scalini prendono velocità allʼimprovviso e in pochi secondi la scala mobile collassa

Nessun salto o comportamento atipico da parte dei tifosi di Cska Mosca. A dimostrarlo ci sarebbe un nuovo video sul crollo della scala mobile nella stazione metropolitana di Repubblica a Roma. Le immagini sono state pubblicate sul profilo Twitter "Cska fans against racism", pagina social di un gruppo di supporter russi dove ora alcuni utenti chiedono le scuse di Matteo Salvini. Il vicepremier sulla vicenda aveva detto: "C’erano decine di ubriachi che facevano casino".

"Ogni giorno spuntano nuovi video che provano il fatto che i tifosi di Cska non stavano saltando. Signor Salvini, ha il coraggio di chiederci scusa?", ha scritto l'utente che ha pubblicato il filmato sulla pagina Twitter. In questo nuovo video, ripreso da una prospettiva diversa da quello precedente, si vede che gli scalini prendono velocità all'improvviso e in pochi secondi la scala collassa. A giudicare dal filmato non sembra che le persone sulla scala facciano nulla per causare l'incidente. Ora sta ai pm, visto che è stato aperto un fascicolo sul caso, stabilire cosa nella stazione di Repubblica non abbia funzionato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali