TGCOM

Cronaca

Tutte le ultim'ora

3/11/2009

"Stefano Cucchi non doveva morire"

Alfano: "Accerteremo la verità"

"Stefano Cucchi non doveva morire, si doveva evitare che morisse". E' il giudizio del ministro della Giustizia, Angelino Alfano, intervenuto in Aula al Senato nell'ambito dell'informativa del governo sulla morte del giovane. "Ecco perché - ha spiegato - il governo è in prima linea" per capire. "Tutte le nostre energie - ha concluso - sono impegnate per accertare chi, anche con atteggiamento omissivo, abbia portato a questo tragico evento".

In Aula al Senato, davanti anche alla sorella del giovane, Ilaria Cucchi, il ministro Alfano ha detto che intende andare a fondo sulle circostanze della morte del 31enne nel carcere romano di Regina Coeli il 22 ottobre.

"Non volle dare notizie ai suoi genitori"
Il Guardasigilli ha spiegato anche che Stefano "ha manifestato ai sanitari la volontà di non rilasciare notizie sul suo stato di salute ai genitori". "In base alle notizie che mi sono state comunicate dall'amministrazione penitenziaria i familiari di Cucchi per due volte si sono recati presso la struttura penitenziaria dell'ospedale Sandro Pertini" per parlare con il giovane. Ma in entrambe le occasioni, "è stata rappresentata loro la necessità di munirsi di permesso di colloquio".

"Non autorizzò la diffusione della sua cartella clinica"
Il ministro ha anche specificato il motivo per cui ai genitori non sono state date informazioni sullo stato di salute del giovane: queste possono essere fornite solo se autorizzate dal magistrato o dal detenuto. "Si è data applicazione all'accordo esistente con la Asl di Roma secondo cui nessuna informazione può essere data ai familiari senza l'autorizzazione del magistrato. Questo divieto può essere superato dall'autorizzazione firmata dal detenuto. Ma - ha aggiunto Alfano, citando alcune informazioni pervenute dal ministero della Salute - da quanto si evince dalla documentazione, Stefano Cucchi ha firmato per non autorizzare alla diffusione delle informazioni sulle sue condizioni di salute ai familiari.

"Nessuno sconto ai responsabili"
Il ministro della Giustizia ha parlato di "due grandi tranche" dell'inchiesta in corso da parte della Procura di Roma: "Una riguarda le lesioni subite da Cucchi, per valutare se siano provocate o accidentali; l'altra riguarda un'eventuale mancata alimentazione". Poi, ha concluso: "Sia chiaro fin da ora che ai cittadini tutti dovrà essere al più presto fornito ogni dettaglio di verità" sulla morte del ragazzo e che "i responsabili saranno chiamati alle loro responsabilità senza sconto alcuno".

Scettica la sorella Ilaria: "Voglio vedere quel foglio"
"Voglio proprio vedere questo foglio, che sarebbe stato firmato da mio fratello, con cui si negava l'autorizzazione a fornirci notizie sul suo stato di salute". Sono queste le parole della sorella Ilaria Cucchi, che ha parecchi dubbi su alcuni passaggi della ricostruzione fatta da Alfano. La donna ritiene non veritiero anche il fatto che siano state riferite dal ministro due sole richieste di colloquio avanzate dai familiari di Stefano al centro penitenziario dell'ospedale Sandro Pertini: "Noi siamo stati lì tutti i giorni. Di cose non vere ne sono state dette tante, ora cominciamo a vedere le carte".

"Quereleremo i medici del Pertini"
I familiari di Stefano Cucchi hanno anche annunciato la loro intenzione di querelare i medici dell'ospedale, come ha detto la sorella Ilaria. "Siccome sono state fatte dichiarazioni non veritiere sullo stato di salute di mio fratello - ha detto - quereleremo i medici. Mio fratello era un ex tossicodipendente, aveva frequentato una comunità e si stava riabilitando". Ilaria Cucchi ha ringraziato poi il senatore dell'IdV Stefano Pedica, che l'ha invitata in Senato. Non ha però commentato la relazione del ministro Alfano. "Vogliamo vedere meglio le carte prima di commentare".

Ultimo aggiornamento ore 14:23


Windows Live Condividi con Messenger
  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark
IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true

Home page di Cronaca