FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Brevetti, scadono il Cialis e altri 13 farmaci: diventeranno generici

Tra questi cʼè anche il Crestor: serve ad abbattere il colesterolo

Brevetti, scadono il Cialis e altri 13 farmaci: diventeranno generici

Il 12 novembre scadranno quattordici  brevetti di farmaci a dir poco importanti. Su tutti quello del Cialis, che cura la disfunzione erettile, di fascia C, cioè con prescrizione ma a carico dei pazienti, ma nell'elenco anche anti ipertensivi e anti colesterolo, farmaci contro l'osteoartrosi e l'ipertrofia prostatica benigna. Il loro prezzo dovrebbe crollare, grazie all'utilizzo dei generici.

Nessun'altra molecola di quella categoria incassa così tanto dagli italiani, circa 146 milioni l'anno, ricorda Repubblica parlando del Cialis, "avversario farmaceutico" del Viagra.

Il giro d'affari di questi quattordici brevetti loro giro d'affari è di oltre un miliardo di euro, quasi completamente a carico del servizio sanitario nazionale visto che si tratta di medicinali rimborsati, in fascia A. La stima è che l'ingresso del generico abbatta i prezzi di circa il 60%. Il calcolo su quale sarà il risparmio è piuttosto facile: 600 milioni di euro.

Da non sottovalutare l'impatto del Crestor, cioè la rosuvastatina, che potrà essere venduto da qualunque azienda farmaceutica dal 30 dicembre prossimo. Serve ad abbattere il colesterolo ed è usatissimo. Ogni anno il sistema spende circa 270 milioni di euro per acquistarlo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali