FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Quarto, Capuozzo ai pm: Fico sapeva Lui ribatte: ero ignaro delle minacce

Nella sua sesta deposizione il sindaco dice di aver informato il deputato napoletano e il direttorio del M5s su quanto stava accadendo

Quarto, Capuozzo ai pm: Fico sapeva Lui ribatte: ero ignaro delle minacce

"Il direttorio del M5s sapeva". Il sindaco di Quarto, Rosa Capuozzo, cambia ancora una volta versione e nella sua sesta deposizione davanti ai pm, stavolta, dice che i vertici del Movimento che l'ha espulsa, in primis il deputato Roberto Fico, erano stati informati di quanto stava accadendo. Sono le prime indiscrezioni del verbale della Procura trapelate dopo un interrogatorio fiume di giovedì. Fico ha però replicato che era "ignaro dell minacce".

Su Facebook, il deputato M5s ha ribadito: "Sapevo dei contrasti nel Comune di Quarto, ma non ero a conoscenza di nessun ricatto da parte di De Robbio". Si tratta, da parte dei giornali, di un "vergognoso taglia e cuci, mischiando, modificando e riportando sommariamente la verità per buttare fango e vendere qualche copia in più". Quello che raccontano "sono chiacchiere da bar prive di fondamento", sottolinea.

La nuova versione della Capuozzo - Al processo il primo cittadino del comune partenopeo ha ripercorso nuovamente tutta la vicenda, questa volta chiamando in causa i vertici dei pentastellati. La Capuozzo ha affermato che il deputato e presidente della Vigilanza Rai aveva anche partecipato a una riunione dei consiglieri 5 stelle proprio mentre infuriavano le lotte intestine per la nomina degli assessori. Tutti dettagli che, stavolta, sembrano convincere i pm. Il procuratore antimafia Giuseppe Borrelli avrebbe infatti sottolineato: "La teste ha fornito risposte che riteniamo esaustive".

Di Maio: "Attacco politico appena iniziato" - "Sono convinto che l'attacco politico al Movimento 5 Stelle sia appena iniziato e le strumentalizzazioni come quelle di oggi saranno all'ordine del giorno. Ringrazio la magistratura per aver svelato il tentativo di infiltrazione mafiosa al nostro interno, che abbiamo arginato con prontezza. Sono anni che partiti e media compiacenti provano a fermarci, ma non ci sono mai riusciti", scrive Luigi Di Maio su Facebook.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali