FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Deputati "distratti", alla buvette della Camera ecco i controllori di scontrini

La ditta appaltatrice ha deciso di introdurre nuove misure contro gli onorevoli scrocconi per accertarsi che saldino il conto

Deputati "distratti", alla buvette della Camera ecco i controllori di scontrini

Prima lo scontrino e poi la consumazione. La regola che esiste già in qualunque bar da ora approda anche alla buvette della Camera e a farla rispettare ci saranno degli appositi controllori. A prendere questa decisione è stata la ditta che ha in appalto i servizi di ristorazione a Montecitorio perchè i conti non tornano. Un buco nei bilanci, pare da 100 mila euro, ha fatto scattare le nuove misure contro gli onorevoli scrocconi.

Dimenticanza, fretta di tornare in aula, fatto sta che erano troppe le consumazioni non pagate dagli abituali frequentatori del bar che si affaccia sul Transatlantico. La società avrebbe infatti riscontrato, sulla base dei bilanci della Camera degli anni precedenti, un calo di entrate sospetto, circa il 30% ed è stata costretta a preparare la contromossa. Un gruppo di "sceriffi dello scontrino" che dovrà verificare se i deputati hanno pagato o meno la consumazione. Gli addetti a questo compito dovrebbero essere ex dipendenti della Camera che si occupavano della ristorazione. Il loro compito sarà quello di vigilare e di intervenire per far saldare il conto a qualche furbetto che non ha pagato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali