FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Cei: le unioni civili non sono equiparabili al matrimonio

Bisogna "difendere la famiglia e lʼidentità della sua figura naturale"

Cei: le unioni civili non sono equiparabili al matrimonio

"L'equiparazione tra matrimonio e unioni civili - con l'introduzione di un'alternativa alla famiglia - è stata affrontata all'interno della più ampia preoccupazione per la mutazione culturale che attraversa l'Occidente". Si esprime così la Conferenza episcopale italiana in un comunicato dopo il Consiglio permanente, senza citare né il ddl Cirinnà né il family day. Per la Cei bisogna "difendere la famiglia e l'identità della sua figura naturale".

La Cei spiega che "le difficoltà e le prove della famiglia - e insieme la sua bellezza, centralità e unicità - sono state ampiamente sottolineate dai Vescovi, a ripresa e approfondimento dei contenuti offerti nella prolusione del Card. Bagnasco", ricordando, tra l'altro, "l'identità propria e unica dell'istituto matrimoniale" e "la richiesta di politiche familiari consistenti ed efficaci".

"Sul piano delle nuove povertà - viene spiegato -, il Consiglio Permanente si è fatto interprete di una Chiesa vicina alla gente, della quale non ha esitato a farsi voce: ecco le famiglie che faticano ad arrivare a fine mese, molte delle quali si trovano a non saper soddisfare nemmeno i bisogni primari; ecco la piaga della disoccupazione, per affrontare la quale non bastano i richiami alla solidarietà, ma serve una nuova, forte imprenditorialità e un welfare di comunità; ecco la preoccupazione per l'inverno demografico, la richiesta di maggior sostegno per i diritti dei figli - a partire dal concepimento - e la denuncia per l'assenza di politiche familiari efficaci".

Nel comunicato finale, come del resto già nella prolusione del card. Bagnasco, non si fa menzione del "Family Day" contro il ddl Cirinnà sulle unioni civili, organizzato per sabato a Roma dalle organizzazioni del laicato cattolico.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali