FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Camera, al via i tagli sugli stipendi: i dipendenti incrociano le braccia

Alla ripresa dei lavori a Montecitorio, sciopero bianco di commessi e centralinisti: no al salario di 99mila euro annui dal 2018 contro i 136mila attuali

Camera, al via i tagli sugli stipendi: i dipendenti incrociano le braccia

Novantanovemila euro annui di stipendio non bastano ai dipendenti della Camera che contro i tagli previsti dalla spending review incrociano le braccia. Sciopero bianco ad oltranza a Montecitorio contro le riduzioni dei salari volute dalla presidenza a partire dal 2018. Commessi, centralinisti, uscieri, alla ripresa dei lavori parlamentari dopo le Festività, hanno dato inizio alla protesta: niente più straordinari, operazioni rallentate.

Una protesta, quella dei lavoratori di Montecitorio, che non raccoglie, però, grande solidarietà: l'introduzione di un tetto massimo agli stipendi d'oro dei circa mille dipendenti partirà nel 2018, ma già ora sono scesi sul piede di guerra.

Barbieri, centralinisti, commessi e uscieri di Montecitorio si vedranno tagliare il loro compenso annuale da 136mila euro a 99mila; elettricisti e tecnici informatici si dovranno accontentare di 106mila euro rispetto agli attuali 152mila. Crollo dei salari anche per ragionieri e segretari parlamentari, mentre il taglio più consistente si abbatterà sui consiglieri parlamentari: i loro 354mila euro diventeranno 240mila.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali