FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Le molestate di Capodanno a Colonia: "Per fortuna indossavo i pantaloni"

Michelle, Evelin, Katia, sono solo alcune delle donne che hanno subito aggressioni sessuali da parte di gruppi di stranieri, secondo le loro accuse, e hanno raccontato quella notte da incubo alla stampa tedesca. Salvini: "Castrazione chimica"

Le molestate di Capodanno a Colonia: "Per fortuna indossavo i pantaloni"

Michelle, 18 anni, Evelin, 24, Katia, 28. Sono solo tre delle donne, ma sarebbero un centinaio, che, nella notte di Capodanno, durante i festeggiamenti in piazza, tra la stazione e il duomo di Colonia, sono state circondate, palpeggiate e rapinate da gruppi di immigrati tra i 15 e i 35 anni, ubriachi e molesti. I loro racconti di quelle ore di festa, sotto i fuochi d'artificio sul Reno, trasformate in terrore, sono drammatici. "Con me c'era una decina di amici alla stazione - racconta Michelle, una delle vittime più giovani a Express - e all'improvviso ci siamo ritrovati circondati da 20-30 uomini, che hanno provato a isolare le ragazze dai ragazzi, abbiamo iniziato a correre e, solo dopo, ci siamo accorti che ci avevano rubato gli smartphone, anche il mio". "Per fortuna indossavo i pantaloni", le fa eco Katia.

A Evelin, studentessa di 24 anni, quella notte è andata peggio. "Ero alla stazione centrale di Colonia - racconta a Bild - e indossavo una gonna al ginocchio; improvvisamente ho sentito una mano sul mio sedere e sotto la gonna. Mi sono girata immediatamente e vedevo intorno a me facce eccitate". E continua: "Poco dopo ero seduta su una panchina davanti al duomo per ammirare i fuochi d'artificio e ancora ero circondata da uomini che parlavano solo arabo e dicevano in continuazione: Hey, baby. Ad un certo punto, tra la folla, mi sono sentita afferrare per il braccio destro, è stato un incubo".

Altrettanto sconvolgente la testimonianza di Katia, 28 anni, anche lei aggredita alla stazione di Colonia, che a Express ripete: "Era un incubo, urlavamo, sgomitavamo ma loro non la smettevano. Per fortuna indossavo pantaloni; se avessi avuto una gonna me l'avrebbero strappata. Ci è passata la voglia di festeggiare".

A una settimana da quella notte di violenza provocata da gruppi di nordafricani e mediorientali, come le vittime riferiscono nelle denunce presentate dalla polizia di Colonia, nessun arresto e si teme, dunque, per le altre grandi feste di piazza: "Tra poco si festeggerà il Carnevale, ma abbiamo paura", conclude Michelle. L'ondata di aggressioni sessuali, nella notte di San Silvestro, ha sconvolto anche i festeggiamenti di Amburgo e Stoccarda.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali