FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Produttività in calo con invecchiamento forza lavoro

Tale condizione potrà rappresentare un freno alla crescita, soprattutto per paesi come Italia, Spagna, Portogallo e Grecia

Produttività in calo con invecchiamento forza lavoro

Si prevede un forte invecchiamento della forza lavoro nei prossimi 20 anni e questo sembra preoccupare non poco il Fondo monetario internazionale, secondo cui rappresenterà un freno alla crescita della produttività con inevitabili ripercussioni negative sull'economia.

La questione è molto dibattuta. Già alcuni studi della Commissione europea hanno messo in luce come in futuro le persone anziane (65 anni o più) potrebbero aumentare a causa di diversi trend – quali fertilità, aspettative di vita, flussi migratori – che avranno un impatto sul sistema economico, in termini di forza lavoro e costi sociali (welfare, previdenza, salute), ma soprattutto in termini di ricchezza non generata.

Non è condizione che interessa tutti i paesi dell'Eurozona, la Germania ad esempio non dovrebbe subire particolari contraccolpi in questo senso. Ma Italia, Spagna, Portogallo e Grecia potranno risentirne più di altri. Nel caso dell'Italia un'ulteriore perdita di produttività potrebbe valere circa un terzo della crescita potenziale (più o meno l'1%).

Tale decremento porterebbe in dote una minore competitività, danneggiando l'economia perché chi non trova occupazione non riesce a sviluppare capacità e competenze e il rischio è quello di dissipare capitale umano.

Di recente la Cna (Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa) ha definito la produttività stagnante “il vero fattore di svantaggio”. L'Italia, tra i paesi Ocse, occupa la quinta posizione per cuneo fiscale – la somma di tutte le imposte (dirette, indirette o sotto forma di contributi) che, a carico dei dipendenti o dei datori di lavoro, incidono sul costo del lavoro stesso –, ma a pesare davvero (anche sulle busta paga dei lavoratori dipendenti) è la produttività, rimasta al palo dal 2000 ad oggi mentre è aumentata costantemente in Germania e in Francia.

Partendo dal campione di alcuni paesi europei analizzati, secondo gli economisti del Fmi un incremento di cinque punti percentuali della quota di lavoratori tra i 55 e i 64 anni può incidere su un calo della produttività del lavoro pari al 3%. E c'è da considerare anche che la produttività totale dei fattori – che, come spiega l'Istat, misura la crescita del valore aggiunto attribuibile al progresso tecnico, a miglioramenti nella conoscenza e nell'efficienza dei processi produttivi – può, in un caso analogo, registrare una diminuzione tra il 2 e il 4%.

Mentre negli Stati Uniti la forza lavoro non invecchierà, in Europa – sopratutto in quei paesi colpiti duramente dalla crisi – la situazione potrebbe aggravarsi in assenza di sistemi che aiutino i giovani ad acquisire conoscenze e professionalità, a renderli cioè occupabili.

Il dato è un po' datato, ma aiuta a comprendere lo scenario: l'Eurofound (la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro) ha stimato per l'Ue un costo di oltre 150 miliardi di euro derivante dai giovani inattivi tra i 15 e i 29 anni. Una perdita pari a circa l'1,2% del Pil europeo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali