FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Pil, lʼUe rivede al ribasso le stime di crescita dellʼItalia: +1,4% nel 2016

Rispetto alle previsioni di novembre il dato è in calo dello 0,1%. In rialzo il deficit, in calo invece la disoccupazione. Draghi: "Cʼè una cospirazione di forze dellʼeconomia"

Pil, l'Ue rivede al ribasso le stime di crescita dell'Italia: +1,4% nel 2016

L'Unione europea rivede leggermente al ribasso (-0,1%) le stime di crescita dell'Italia, che si attestano a +0,8% nel 2015, +1,4% nel 2016 e +1,3% nel 2017. "Dopo essere cresciuta moderatamente nel 2015, l'economia italiana guadagna slancio nel 2016 e 2017 col rafforzarsi della domanda interna", sottolinea Bruxelles. In rialzo dal 2,3% al 2,5% le stime sul deficit 2016, giù invece la disoccupazione: 11,9% nel 2015, 11,4% nel 2016 e 11,3% nel 2017.

Sulla crescita, l'Ue precisa che "la caduta dei prezzi del petrolio e una posizione di bilancio espansiva sosterranno la domanda e compenseranno il rallentamento degli export" registrato nella seconda metà del 2015".

Ritoccate al rialzo le previsioni sul deficit - La Commissione cambia poi al rialzo le stime sul deficit di bilancio per l'Italia: per il 2016 si stima un deficit al 2,5% e all'1,5% per il 2017 (contro i precedenti 2,3% e 1,6%). Quanto al rapporto tra debito e Pil, l'Ue prevede un'attenuazione al 132,4% quest'anno dopo il 132,8% del 2015, e il 130,6% nel 2017.

Disoccupazione in discesa - C'è il dato positivo della disoccupazione, che scende all'11,9% nel 2015, all'11,4% nel 2016 e all'11,3% nel 2017. Meglio rispetto alle previsioni precedenti, rispettivamente 12,2% 11,8% e 11,6%. "Gli sgravi sulle assunzioni hanno sostenuto l'aumento del numero degli occupati visto nel 2015", scrive Bruxelles. "Con il rafforzarsi della ripresa, l'occupazione continuerà ad aumentare nel 2016 e 2017. Ciononostante, la disoccupazione scende gradualmente". E "la pressione sul costo del lavoro resterà limitata in parte per i tagli al cuneo fiscale".

Pil Eurozona limato all'1,7% - Nella zona euro la crescita dovrebbe raggiungere quest'anno l'1,7% rispetto all'1,6% dello scorso anno, per attestarsi all'1,9% nel 2017 secondo le previsioni d'inverno della Commissione. A novembre Bruxelles vedeva un Pil 2016 all'1,8%. Per l'Ue, invece, si prevede che la crescita economica rimanga stabile all'1,9% quest'anno, salendo al 2% l'anno prossimo. Le previsioni, sottolinea la Commissione, "indicano prospettive generali di crescita sostanzialmente invariate dall'autunno, anche se aumenta il rischio che, soprattutto a causa di fattori esterni, la crescita risulti inferiore a quanto anticipato".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali