FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"

LʼOrganizzazione segnala inoltre un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"

Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"

Il tasso di disoccupazione in Italia "è sceso all'11,2% nell'aprile 2018, ma resta il terzo più alto tra i Paesi dell'Ocse". Lo scrive l'Organizzazione, aggiungendo che "i salari reali sono scesi dell'1,1% tra il quarto trimestre 2016 e il quarto trimestre 2017". L'Ocse segnala inoltre un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi".

Nel nostro Paese i salari reali scendono nonostante la ripresa economica, sottolineano gli esperti, a causa della "stagnazione della produttività e una percentuale significativa di lavoratori a basso reddito con contratti temporanei e/o part-time involontario".

La performance del mercato del lavoro italiano è "al di sotto della media Ocse in tutti gli indicatori, tranne per quanto riguarda la qualita' del reddito da lavoro", si legge ancora nelle prospettive 2018 sull'Occupazione. "Non sorprende che, dato l'ancora elevato tasso di disoccupazione e l'incidenza di contratti a termine, il livello d'insicurezza nel mercato del lavoro (la probabilità di perdere il posto e restare senza reddito) sia il quarto più alto tra i Paesi Ocse dopo Grecia, Spagna e Turchia".

Stando ai dati, l'occupazione in percentuale della popolazione tra i 15 e i 74 anni "è aumentata di 2,3 punti percentuali dal livello più basso nel 2013, arrivando al 50,9% e tornando quasi al livello pre-crisi (51%)". Le proiezioni Ocse suggeriscono inoltre che "la tendenza positiva continuerà nei prossimi due anni".

Secondo l'Ocse, in Italia "la povertà è aumentata: il 13,6% delle persone in età lavorativa vive in famiglie con un reddito inferiore al 50% del reddito medio. Erano il 10,7% nel 2006".

Meno di uno su 10 con sussidio di disoccupazione - In Italia meno di un disoccupato su dieci riceveva il sussidio di disoccupazione nel 2016, una delle percentuali più basse tra i Paesi Ue. "Ciò deriva - segnala ancora l'organismo internazionale - dalla combinazione di un'alta percentuale di disoccupati di lungo periodo e di una durata massima del sussidio relativamente bassa". La percentuale di disoccupati coperti dal sussidio, però, "dovrebbe migliorare con l'entrata a pieno regime della riforma degli ammortizzatori sociali contenuta nel Jobs Act". Inoltre, per l'Ocse, "la creazione dell'Anpal è stata un passo importante, ma l'Italia deve continuare a investire nelle politiche attive".

Lavoro, Ocse: lʼandamento in Italia

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali