FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Bilanci dei conti pubblici preoccupano, la Commissione Ue richiama Roma

Lettere indirizzate allʼItalia e agli altri Stati membri, che sono lontani dallʼessere Paesi modello. Non ci saranno sanzioni. Si attende lʼEurostat

Bilanci dei conti pubblici preoccupano, la Commissione Ue richiama Roma

La Commissione Ue sta preparando lettere indirizzate all'Italia e agli altri Paesi i cui conti pubblici rischiano deviazioni importanti dagli obiettivi. Il "richiamo" non rientra nel processo di valutazione chiamato "Semestre europeo", ma rappresenta un sollecito per gli Stati considerati più a rischio.

Padoan: "Governo sulla strada giusta" - "Con Bruxelles è in corso una discussione normale per verificare i dati del 2016 di finanza pubblica e con il Def di aprile troveremo una soluzione definitiva", ha commentato il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, ribadendo come la strada del governo sia "quella giusta", visti i dati "positivi" sul Pil che rendono reali le prospettive di una crescita all'1,6% per quest'anno e assieme ad altri indicano una finanza pubblica "che migliora".

La lettera che arriverà all'Italia la prossima settimana non dovrebbe tradurre in cifre la richiesta di correzione di Bruxelles, e quindi andrà soltanto ad arricchire la trattativa in corso con il governo italiano sulla flessibilità.

Lettera anche a Spagna, Belgio, Finlandia e Austria - La missiva "fuori stagione" sarà inviata anche a Spagna (che deve presentare un aggiornamento della legge di stabilità non appena avrà un nuovo governo), Belgio, Finlandia ed Austria. Tutti già richiamati da Bruxelles in fase di giudizio delle leggi di stabilità, nel quale si raccomandavano correzioni in corso d'anno per non deviare troppo dagli obiettivi concordati.

Per l'Italia raccomandazione Ue per scostamento dal debito - La stessa raccomandazione veniva fatta all'Italia nell'opinione pubblicata a novembre, nella quale si evidenziava il rischio di non rispetto delle regole del Patto, soprattutto quella del debito, a causa di uno "scostamento significativo" dall'obiettivo di medio termine (pareggio strutturale di bilancio). L'Italia aveva già uno scostamento nel 2015, che invece di ridursi si è andato aggravando: nell'opinione di novembre Bruxelles scriveva che il saldo strutturale, indicatore preso in esame per valutare il rispetto della "regola del debito", invece di migliorare del raccomandato 0,1%, peggiora di 0,5%.

Lo sforzo in più che Bruxelles chiede all'Italia - E' anche per questo che Bruxelles ha promosso la legge di stabilità ma rinviato la risposta sulla flessibilità a maggio, dando così modo al governo o di inserire le necessarie correzioni nel programma di stabilità ad aprile o di pianificare aggiustamenti nel corso dell'anno. Per ottenere tutti i margini richiesti per il 2016 (0,1% di riforme, 0,3% di investimenti, 0,2% di migranti), l'Italia dovrà certamente fare uno sforzo in più, ed è quello che la lettera ribadirà.

Niente che il Tesoro, con cui è in corso la trattativa, non sappia già. Padoan e il commissario Moscovici stanno negoziando da mesi, proprio per raggiungere un equilibrio che assicuri allo stesso tempo rispetto delle regole e margini di spesa.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali