FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Crollo ponte, la Gdf consegna ai pm una "lista nera" con 60 nomi

Ai magistrati spetta ora il compito di un eventuale aggiornamento del registro degli indagati, nel quale sono state iscritte venti persone

Una "lista nera" contenente 60 nomi su cui potrebbero ricadere responsabilità penali per il crollo del ponte Morandi di Genova, che ha causato la morte di 43 persone. E' il documento che la guardia di finanza ha inviato nelle ultime ore ai pm che indagano sul collasso del viadotto. Ai magistrati spetta ora il compito di un eventuale aggiornamento del registro degli indagati, nel quale inizialmente sono state iscritte venti persone.

I nuovi nomi indicati dalle Fiamme Gialle nell'informativa alla Procura appartengono a dipendenti, tecnici e dirigenti di Autostrade, del ministero dei Trasporti e di Spea.

Si tratta, secondo l'analisi dei documenti e degli organigrammi aziendali condotta dai finanzieri, di quanti erano a conoscenza delle condizioni del ponte e di chi si occupò del progetto di retrofitting (migliorare una struttura vecchia, ndr) che riguardava i lavori di rinforzo della pila 9, crollata il 14 agosto, e della 10.

Crollo ponte Morandi, gli indagati

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali