FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Omicidio Varani, Prato si uccide in cella: si indaga per istigazione al suicidio

Accanto al cadavere un biglietto con le motivazioni del gesto: "Contro di me solo menzogne". Il giovane si è soffocato con un sacchetto di plastica e inalando gas. Il ministro Orlando ha chiesto un rapporto dettagliato sulla vicenda

Si è suicidato nella cella del carcere di Velletri (Roma), in cui era detenuto, Marco Prato, il 31enne accusato dell'omicidio di Luca Varani, il ragazzo ucciso nel marzo del 2016 durante un festino a base di sesso e droga. Prato si sarebbe ucciso soffocandosi con un sacchetto di plastica e respirando il gas della bomboletta che i detenuti utilizzano per cucinare. Aperta un'inchiesta. Il ministro Orlando ha chiesto un rapporto dettagliato sulla vicenda.

Si procede contro ignoti per istigazione al suicidio - Il procedimento contro ignoti avviato sul caso, coordinato dal procuratore Francesco Prete, è per istigazione al suicidio. Non è escluso che l'indagine verificherà se lo stato di detenzione di Prato fosse compatibile con le sue condizioni psicofisiche. Mercoledì ci sarà l'autopsia.

Un biglietto: "Menzogne contro di me" - Prato si sarebbe suicidato per "le menzogne dette" su di lui e per "l'attenzione mediatica" subita. Il ragazzo ha lasciato una lettera in cui spiega i motivi del suo gesto. Mercoledì Prato avrebbe avuto l'udienza del processo. Il suo compagno di cella non si sarebbe accorto di nulla perché stava dormendo. Il pm di turno ha autorizzato la rimozione della salma su cui verrà effettuata l'autopsia.

La dinamica - Sulle modalità del suicidio di Prato si è espresso il Sappe, Sindacato degli agenti della polizia penitenziaria che ha commentato così quanto accaduto al carcere di Velletri: "Il fatto che sia morto proprio inalando il gas dalla bomboletta che tutti i reclusi legittimamente detengono per cucinarsi e riscaldarsi cibi e bevande, come prevede il regolamento penitenziario, deve fare seriamente riflettere sulle modalità di utilizzo e di possesso di questi oggetti nelle celle".

"Ogni detenuto - prosegue il Sappe - può disporre di queste bombolette di gas, che però spesso servono o come oggetto atto a offendere contro i poliziotti, come 'sballo' inalandone il gas o come veicolo suicidario. Un detenuto che si toglie la vita in carcere è una sconfitta dello Stato e dell`intera comunità", hanno affermato in una nota congiunta Donato Capece, segretario nazionale del Sappe, e Maurizio Somma, segretaro del Lazio.

"Prato non si è suicidato per pentimento" - Con queste parole il legale della famiglia di Luca Varani ha commentato il suicidio di Marco Prato: "La morte di Marco Prato è una tragedia nella tragedia e mi riferisco al povero Luca e ai suoi genitori. Non penso che Prato si sia tolto la vita per rimorso o pentimento". "Da quel punto di vista - ha proseguito l'avvocato Cassiani - nè lui nè Manuel Foffo si sono comportati bene con i genitori di Luca".

"Credo piuttosto che alla base del suicidio ci siano più fattori: fermo restando che il carcere era l'unica strada che lui e Manuel Foffo hanno meritato per la gravità del fatto loro attribuito, ritengo che abbiano pesato su Prato la lunga detenzione, l'estenuante attesa del processo che ha dovuto subire, i due rinvii per lo sciopero degli avvocati quando si sarebbe potuto chiudere in fretta optando per il rito abbreviato, come ha fatto l'altro imputato, e soprattutto il fatto che in udienza avrebbe deposto, su citazione della procura, lo stesso Foffo, che avrebbe scaricato sull'ex amico ogni responsabilità".

Per l'omicidio di Luca Varani è già stato condannato a 30 anni, in rito abbreviato, Manuel Foffo, l'uomo che con Prato aveva seviziato e ucciso la vittima. Prato, a differenza del coimputato, aveva scelto il rito ordinario.

Il ministro Orlando: "Ho chiesto un rapporto dettagliato" - "Ho chiesto al Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria un rapporto dettagliato per vedere se il protocollo di prevenzioni dei suicidi è stato rispettato". Lo ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando da New York, spiegando che Marco Prato "per quanto ne so era seguito da uno psicologo e non aveva dato segni di squilibrio". Il ministro ha poi ricordato che negli ultimi tempi sono state rafforzate le misure di sostegno psicologico dei detenuti e il numero dei suicidi è sceso.

Omicidio Varani, Marco Prato morto suicida in cella: "Su di me menzogne"

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali