FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Inchiesta Trento, il Csm sospende il giudice arrestato per pedofilia

Il magistrato era stato arrestato il 2 ottobre dalla polizia di Messina per pornografia minorile

La sezione disciplinare del Csm (Consiglio superiore della magistratura) ha sospeso dalle funzioni e dallo stipendio il giudice della Corte d'Appello di Reggio Calabria coinvolto nell'inchiesta della Procura di Trento su una presunta rete di pedofili dediti allo scambio di immagini online. Il magistrato era stato arrestato il 2 ottobre dalla polizia di Messina per pornografia minorile.

Le indagini, condotte dalla polizia postale di Bolzano e coordinate dal pm trentino Davide Ognibene, sono iniziate circa un anno e mezzo fa dall'analisi del pc di un 40enne altoatesino, residente in val Pusteria. L'uomo, arrestato dalla polizia di Trento, ha detto di aver scaricato da internet non riuscendo a indicare le persone da cui le aveva ricevute.

La sua versione dei fatti, però, non ha convinto gli investigatori della polizia delle comunicazioni che alla fine hanno scovato le prove digitali che hanno fatto venire giù l'intero castello. Sono stati loro, infatti, a scoprire un intenso utilizzo dell'applicazione e una rubrica con un centinaio di contatti dislocati su tutto il territorio nazionale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali