FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Bimbo ucciso di botte, la mamma moldava: non sopportavo il suo pianto

Eʼ la confessione shock di una 27enne. A partecipare alle violenze, forse, anche il compagno della donna, un albanese ai domiciliari per sfruttamento della prostituzione. Il terribile caso a Modena

"Volevo solo che smettesse di piangere". E' la confessione shock di una donna moldava che ha ucciso il figlio di soli 3 anni e otto mesi. Il piccolo è arrivato in gravi condizioni al policlinico di Modena il 14 gennaio. Le botte sono state talmente violente da provocarne la morte. In un primo momento la donna, subito indagata, aveva negato ogni accusa. Poi nelle ultime ore il crollo: quel giorno, la 27enne ha ammesso: "L'ho colpito in modo più forte del solito".

Non era infatti la prima volta che il piccolo veniva picchiato. E a incitarla a far smettere di piangere il bimbo potrebbe essere stato anche il compagno della giovane, un albanese ai domiciliari per sfruttamento della prostituzione. Fatale inoltre il ritardo con cui la madre ha avvertito il 118: credeva che il vomito fosse provocato da un virus, ha spiegato. In attesa della perizia medica, la procura ha già confermato che la causa della morte potrebbe essere stata un'infezione provocata da un'azione violenta.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali