FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Bruciata viva dal compagno: "Non volevo ucciderla, volevo sfregiarla"

Lʼuomo che ora è in carcere in attesa del processo ha affermato al pm di Cassino: "Non lʼho nemmeno investita nonostante avessi potuto". In alcune lettere spunta la volontà di voler ammazzare anche la figlia

Bruciata viva dal compagno: "Non volevo ucciderla, volevo sfregiarla"

Interrogatorio in carcere per Paolo Pietropaolo, l'uomo che ha dato fuoco alla sua compagna incinta, la 38enne Carla Ilenia Caiazzo, a Pozzuoli (Napoli). "Non avevo intenzione di uccidere Carla dopo averle dato fuoco - ha detto -, non l'ho nemmeno investita nonostante avessi potuto. Avevo intenzione di sfregiare il viso di Carla che è una ragazza molto bella". La donna si trova all'ospedale Cardarelli di Napoli e versa in gravissime condizioni.

Sulla figlia avuta con l'inseminazione artificiale, il 40enne durante l'interrogatorio ha affermato che "non avevo intenzione nemmeno di riconoscere la bambina non sentendola mia", aggiungendo di odiare "Carla, a volte si fa del male alla persona che non si vuole che tradisca".

In alcune lettere spunta la volontà di uccidere la figlia - Pietropaolo in alcune lettere aveva manifestato l'intenzione di volere uccidere la compagna e anche la figlia che la donna aveva in grembo. "In queste lettere manifestando la volontà di suicidarmi, manifestavo anche la volontà di uccidere Carla, in particolare dichiaravo di volerla strozzare", ha ribadito al pm di Cassino.

Il 40enne ha spiegato che avrebbe voluto uccidere anche la figlia così come emerge dalle lettere, nonostante "i miei familiari mi invitassero a superare questa crisi cercando di rifarmi una vita nuova". Nella conversazione, Pietropaolo ha riferito però di essersi pentito quasi subito di quello che aveva fatto, dopo avere compreso l'accaduto.

"La mia pena è il dolore che sta patendo Carla", ha poi concluso, "a parte questo non ho altro da aggiungere". Gli atti relativi alla vicenda giovedì saranno trasferiti dalla Procura di Cassino ai magistrati della Procura di Napoli titolari dell'inchiesta.

Il gip di Cassino ha convalidato il fermo -
Il gip del Tribunale di Cassino (Frosinone) ha convalidato il provvedimento di fermo nei confronti di Paolo Pietropaolo. Al 40enneviene contestato il tentato omicidio pluriaggravato, tra l'altro, dalla premeditazione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali