FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Neonato morto in ospedale a Cosenza: indagati 2 ginecologi e unʼostetrica

Il reato ipotizzato è quello di omicidio colposo. La Procura ha disposto lʼautopsia sul corpo del piccolo morto al momento del parto

Neonato morto in ospedale a Cosenza: indagati 2 ginecologi e un'ostetrica
Medici in corsia

La Procura di Cosenza ha emesso tre avvisi di garanzia nell'ambito dell'inchiesta avviata sulla morte del neonato avvenuta lunedì nell'ospedale cittadino. Nel registro degli indagati sono finiti due ginecologi ed un'ostetrica del nosocomio, nei confronti dei quali è stato ipotizzato il reato ipotizzato di omicidio colposo. La Procura ha disposto l'autopsia sul corpo del piccolo morto al momento del parto.

Nella giornata di lunedì l'ospedale aveva avviato un'indagine interna, mentre il ministero della Salute aveva disposto l'invio di ispettori presso la struttura per far luce sulle cause della tragedia.

In una nota ufficiale diffusa dalla direzione dell'ospedale si legge che la donna sarebbe giunta all'ospedale "accusando dolori". "Il parto avvenuto per via spontanea - prosegue il documento - ha presentato difficoltà nel momento dell'espulsione del feto, morto per cause ancora in corso di accertamento".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali