FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Scontri di Marsiglia, prime condanne: carcere per tre ultrà russi

Il bollettino delle violenze di Lille invece parla di 36 arresti

Scontri di Marsiglia, prime condanne: carcere per tre ultrà russi

Pugno duro della giustizia francese per gli scontri di sabato a Marsiglia. Tre hooligan russi, di età compresa tra 28 e 33 anni, sono stati condannati rispettivamente a 12, 18 e 24 mesi di prigione senza condizionale, più due anni di divieto d'ingresso nel territorio francese. I tre facevano parte del gruppo di 43 ultrà fermati martedì all'uscita del loro hotel a Mandelieu-la-Napoule, vicino a Cannes, mentre stavano per partire per Lille.

SCONTRI A LILLE, 36 ARRESTI

Sono 36 i tifosi arrestati dalla polizia francese a Lille, in seguito ai violenti scontri in città tra hooligan inglesi e ultrà russi che hanno reso necessario anche l'utilizzo dei lacrimogeni da parte delle forze dell'ordine. Secondo quanto riferito dalle autorità locali ci sarebbero 16 feriti trasportati in ospedale. Non si conoscono però le loro condizioni.

Tensione alle stelle sull'asse Mosca-Parigi: il Cremlino infatti non ha gradito l'arresto dei tifosi russi e ha convocato l'ambasciatore francese a Mosca. Nella Francia ancora alle prese con la minaccia terroristica scoppia dunque l'incidente diplomatico tra Cremlino ed Eliseo. La Russia protesta sostenendo di non essere stata informata dell'operazione di polizia che ha portato al fermo di alcuni bus di tifosi. L'ambasciatore francese in Russia, Jean-Maurice Ripert, è stato convocato dal ministero degli Esteri russo per la detenzione, due giorni fa, di un gruppo di tifosi russi diretto da Marsiglia a Lille per assistere alla partita con la Slovacchia.

Lavrov, pur definendo "inammissibile" il comportamento di alcuni tifosi russi, ha definito "inaccettabile" il fermo a cui e' stato sottoposto il bus con a bordo i tifosi nei pressi di Nizza. "Le autorità francesi - ha aggiunto - hanno agito contro le loro responsabilità stabilite dalla convenzione di Vienna". Una nota scritta è stata al ministro degli Esteri francese "chiedendo che tali violazioni non si ripetano piu'". Il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, dice di augurarsi che la Uefa sia equa nel giudicare tutti i gruppi responsabili delle violenze tra tifosi ai campionati europei di calcio in Francia. "Speriamo che il campionato vada avanti senza alcun incidente - ha detto Peskov - e speriamo anche che ci sarà un trattamento equo nel corso delle indagini su tutti gli incidenti".

ESPULSIONE PER 20 TIFOSI RUSSIPer venti tifosi russi, protagonisti degli scontri a Marsiglia, la prefettura di Bouches-du-Rhone ha firmato un ordine di espulsione dalla Francia. A riferirlo è il quotidiano 'Le Monde', che spiega come si tratti di persone con età compresa tra i 25 e i 40 anni e contro i quali non c'è al momento nessun accusa penale. I 20 lasceranno la Francia lunedì.

Tra gli altri componenti del gruppo russo protagonista degli scontri a Marsiglia, venti verranno allontanati lunedì dalla Francia e altri venti verranno rimessi in libertà. Lo ha annunciato "Le Monde", facendo riferimento a un ordine di espulsione firmato dalla prefettura di Bouches-du-Rhone. Si tratta di persone con età compresa tra i 25 e i 40 anni e contro i quali non c'è al momento nessuna accusa penale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali