FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Rubriche >
  • Davis, da informatico a "venditore" E cita Steve Jobs: "Abbiate coraggio"

Davis, da informatico a "venditore"
E cita Steve Jobs: "Abbiate coraggio"

Avete mai pensato che da una storia finita male si può trarre profitto? E' quanto accaduto a questo 35enne di Velletri, laureato in Ingegneria informatica, che ha creato un sito per liberarsi dei regali degli ex

- Saremo pure ingenui, ma una delle poche cose che non si possono negare sono i sogni. Così abbiamo pensato di andare alla ricerca di tutti quegli italiani che non si sono arresi alla crisi, ma hanno saputo rialzarsi e reinventarsi con successo. E ce ne sono. In molti hanno deciso di arrangiarsi trasformando i propri sogni in fonte di reddito. Di necessità virtù, appunto: è il titolo della rubrica di Tgcom24 che parla di chi, nonostante la difficile situazione economica, si è rimboccato le maniche. Se anche tu hai rischiato e ne sei uscito vincente: scrivi e racconta la tua esperienza.
 
Avete mai pensato che anche da una storia d'amore finita male si può trarre profitto? Per carità, è pur vero che bisogna conservare una dose di romanticismo, ma in certi casi può essere messo da parte per cedere il posto al pragmatismo. E' quanto accaduto a Davis Cialoni, 35enne di Velletri, laureato nel 2004 in Ingegneria informatica all'università La Sapienza di Roma, precario e sottopagato. Il primo contratto di lavoro? 700 euro al mese per 40 ore settimanali, senza avere ferie, tfr, malattia...e così via, oscillando tra salari da fame e datori di lavoro "schiavisti". Poi la svolta, o meglio, l'illuminazione: liberarsi definitivamente di tutti i regali delle ex rimasti a prendere polvere in qualche scatola nell'armadio.
 
Così nel 2012 nasce Vendiex.it, un sito di e-commerce di "nicchia" dove ognuno può mettere in vendita oggetti di qualunque tipo, purché provengano rigorosamente da relazioni naufragate. E c'è davvero la qualunque: da braccialetti e anelli, a profumi e occhiali, passando per peluche e lampade, con tanto di dedica...Tipo: "La vendo perché ogni volta che l'accendo mi ricorda il mio ex". "Un giorno mentre mettevo ordine nel mio armadio - ci racconta Davis - mi è capitato tra le mani uno scatolone contenente i regali ricevuti dalle mie ex. E ho pensato: rivendendoli potrei guadagnarci qualcosa".

Davis, da informatico a "venditore"
E cita Steve Jobs: "Abbiate coraggio"

Regali degli ex in vendita...Non è un po' "cinica" come idea?
"Non direi. Un giorno mentre mettevo ordine nel mio armadio mi è capitato tra le mani uno scatolone contenente i regali ricevuti dalle mie ex: tra questi un bracciale in oro e le fedine che avevo comprato per una ragazza che mi aveva scaricato nel peggiore dei modi, per il mio migliore amico. Sinceramente non avevo voglia di tenerli, ma prima di buttarli via si accese la lampadina nella mia testa e pensai: "in fondo potrei guadagnarci qualcosa ... e quanti come me hanno regali costosi che non vogliono più vedere?".
 
Così è nato Vendiex.it. Che cos'è?
"E' un sito di nicchia, il primo in Italia dove è possibile vendere i regali provenienti da storie finite male. Il tutto è completamente gratis, si inserisce l'annuncio descrivendo la storia che sta dietro a quel regalo e la descrizione dello stesso e poi si aspetta di essere contattati da qualcuno che è interessato all'oggetto. Non prendo alcuna percentuale sulla vendita lasciando al venditore e all'acquirente le fasi successive all'acquisto: pagamento, spedizione oppure se incontrarsi di persona. Il mio sito sito serve solo ad avere un primo contatto tra i due".
 
Lavori da solo o hai dei soci?
"Ho iniziato a lavorare al sito occupandomi in prima persona di tutto: dallo sviluppo del software alla messa in produzione, avvalendomi di una collaboratrice esterna soltanto per la parte grafica. Mi sono dedicato notte e giorno,  andavo a lavoro prendendo circa 5 caffè per tenermi sveglio".
 
Hai dovuto investire molti soldi per la startup?
"Ho speso soltanto il mio tempo perché in fondo sviluppare software è il mio lavoro. Ma mi serviva un'entrata ulteriore, un'entrata che magari un giorno riuscisse a darmi più del lavoro, non solo in termini economici ma anche in termini di libertà e spensieratezza perché penso che passare 9 ore al giorno chiuso dentro un ufficio e tre nel traffico del Grande raccordo anulare di Roma non sia vita".
 
Come ti sei fatto conoscere?
"Per sponsorizzare il sito sfruttando radio e/o televisione servono soldi. Personalmente cerco di pubblicizzarlo sui forum che trattano tematiche di delusioni e rotture sentimentali e su Facebook dove c'è una pagina di Vendiex".
 
Questa attività ti permette di essere autonomo economicamente?
"Senza investire soldi è dura e per far emergere il sito ci vuole molto tempo, ma sono sicuro che prima o poi diventerà famoso e riuscirò a rendermi autonomo economicamente. Anche per questo sto cercando un socio che mi aiuti per la pubblicità e per gli sviluppi futuri. Nel frattempo lavoro da casa abbattendo così i costi di un ufficio".
 
Un consiglio a chi deve reinventarsi ...
"Mi viene in mente il discorso che fece Steve Jobs ai neolaureati di Stanford: "Il vostro tempo è limitato, per cui non lo sprecate vivendo la vita di qualcun altro. Non fatevi intrappolare dai dogmi, che vuol dire vivere seguendo i risultati del pensiero di altre persone. Non lasciate che il rumore delle opinioni altrui offuschi la vostra voce interiore. E, cosa più importante di tutte, abbiate il coraggio di seguire il vostro cuore e la vostra intuizione. In qualche modo loro sanno che cosa volete realmente diventare. Tutto il resto è secondario".

TAG:
Di necessità virtù