FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Il 35,4% delle imprese è puntuale nei pagamenti

Negli ultimi anni è cresciuta la percentuale di chi salda i propri fornitori con un oltre un mese di ritardo rispetto alla scadenza

Il 35,4% delle imprese è puntuale nei pagamenti

Un'indagine condotta da DAS Italia – un'organizzazione specializzata nella tutela legale – sostiene che il 70% delle piccole e medie imprese (PMI) e dei liberi professionisti italiani hanno problemi di fatture insolute. Del resto, riscuotere puntualmente quanto dovuto non è sempre semplice.

L'analisi di DAS Italia rileva che la percentuale delle imprese, alla prese con delle fatture insolute, cresce tra le aziende di grandi dimensioni (84%) e quelle attive nel commercio (87,6%).

Riscuotere puntualmente quanto dovuto non è sempre semplice. Anzi. Poche sono le imprese che pagano i propri fornitori senza accumulare ritardi. Secondo lo Studio Pagamenti realizzato da CRIBIS D&B, nel secondo trimestre del 2016 solo il 35,4% delle imprese italiane è puntuale, in calo dello 0,8% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, mentre il 51,5% lo fa entro un mese dalla scadenza (+3% rispetto al secondo trimestre del 2015).

Un dato parzialmente positivo c'è. Secondo l'analisi, si è ridotta la percentuale delle imprese che accumulano gravi ritardi nei pagamenti: attualmente la percentuale di ritardi gravi – considerati tali in quanto la fattura viene saldata con oltre un mese di ritardo – è pari al 13,1%, in leggero calo rispetto allo stesso periodo del 2015 di 2,2 punti percentuali.

Cribis D&B osserva che si tratta di un segnale positivo per il sistema imprenditoriale italiano, in quanto certifica una minor difficoltà delle imprese nel saldare quanto dovuto ai propri fornitori. Quella relativa ai pagamenti è una situazione in fase di miglioramento, anche se rispetto al 2010 i ritardi di oltre un mese sono aumentati del 138,2%, mentre i pagamenti alla scadenza sono scesi del 5,6%.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali