FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il 19,4% degli italiani è a rischio povertà

Negli anni della crisi la quota di italiani a rischio povertà o esclusione sociale è passata dal 25,3% al 28,3%

Il 19,4% degli italiani è a rischio povertà

Il recente resoconto dell'Istituto nazionale di statistica sulle condizioni di vita dei residenti in Italia mostra un quadro ancora una volta allarmante: ad oggi oltre un quarto della popolazione è a rischio povertà o esclusione sociale.

Nel dettaglio la quota di persone a rischio povertà si attesta al 19,4%, in aumento rispetto al 19,3% del 2013 ma in calo rispetto al 19,5% del 2012 e al 19,8% del 2011. Le persone in grave deprivazione materiale (ovvero quelle che mostrano almeno quattro segnali tra i nove stabiliti dall'indicatore Europa 2020: essere in arretrato nel pagamento di bollette, affitto, mutuo o altro tipo di prestito; non poter riscaldare adeguatamente l'abitazione; non poter sostenere spese impreviste di 800 euro; non potersi permettere un pasto adeguato almeno una volta ogni due giorni; non potersi permettere una settimana di ferie all'anno lontano da casa; non potersi permettere un televisore a colori; non potersi permettere una lavatrice; non potersi permettere un'automobile; non potersi permettere un telefono), sono invece l'11,6% della popolazione, in aumento rispetto agli anni passati. Nel 2013 il dato si attestava, infatti, all'11,3%, nel 2012 al 10,6%, nel 2011 al 10,5%.

Altro dato preoccupante, nonostante un lieve calo rispetto agli anni passati, è quello relativo alla bassa intensità lavorativa: secondo le stime dell'Istat le famiglie, con componenti tra i 18 ed i 59 anni che hanno lavorato meno di un quinto del totale del tempo disponibile per attività lavorative, sono il 12,1% del totale. Come anticipato, in questo caso la quota si mostra inferiore rispetto alle rilevazioni precedenti: nel 2013 si attestava infatti al 12,3% e nel 2012 al 14,5%.

Nel complesso, la quota di italiani che si trova in almeno una delle tre categorie, e che quindi rientra in quella delle persone a rischio povertà o esclusione sociale, è pari al 28,3%, in calo rispetto al 28,5% del 2013 e al 29,9% dell'anno precedente, ma ancora più elevata rispetto al 2007 quando si attestava al 25,3%.

Osservando i dati dell'Eurostat si nota come la povertà e l'esclusione sociale siano aumentate sensibilmente soprattutto nei Paesi maggiormente colpiti dalla crisi economica: oltre all'Italia si è registrato un forte aumento in Grecia, dove la quota è passata dal 28,1% al 35,7%; in Irlanda, dal 23,7 al 30%; e in Spagna, passata dal 24,5 al 27,3%.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali