FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Tagliatelle con fave e calamari

Tagliatelle con fave e calamari
  • DIFFICOLTA facile
  • PREPARAZIONE 15'
  • PORZIONI 4 persone

Le tagliatelle con fave e calamari sono un primo piatto gustoso e originale realizzato con tagliatelle di grano duro condite in bianco con fave, calamari e scampi freschi. Primaverile e velocissimo da realizzare, questo piatto è stato una piacevole scoperta per me che non amo molto le fave cotte. Se volete, potete eliminare gli scampi o utilizzare un altro formato di pasta lunga.

INGREDIENTI

  • tagliatelle di semola di grano duro 400  g
  • calamari freschi già puliti 300  g
  • fave sgusciate 100  g
  • scampi freschi 4
  • vino bianco secco un  bicchiere
  • cipolla o un porro 1/2
  • burro 50  g
  • olio di oliva 3  cucchiai
  • sale q.b.

PROCEDIMENTO

Sgusciate le fave e tenetele da parte. Tagliate i calamari a striscioline non troppo sottili e tenete da parte anche i ciuffetti. Fate soffriggere per qualche istante in una casseruola la cipolla tritata nell'olio e nel burro.

Aggiungete i calamari e cuocete il tutto a fuoco medio per 10 minuti. Sfumate, a questo punto, con il vino bianco, lasciate evaporare la parte alcolica e aggiungete anche le fave.

Proseguite la cottura per circa 20 minuti, regolate di sale e nel frattempo portate a ebollizione abbondante acqua salata e cuocetevi le tagliatelle. 5 minuti prima della fine della cottura, aggiungete al condimento anche gli scampi freschi ben lavati. Lasciate insaporire e aggiungete una noce di burro al condimento.

Scolate al dente le tagliatelle, trasferitele nella casseruola di fave e calamari e lasciatele insaporire aggiungendo, se necessario, qualche cucchiaio di acqua di cottura.

Lo sapevate che...

Le fave sono buonissime crude con il classico abbinamento formaggio pecorino-pancetta ma sono gustose anche cotte, in primi piatti, zuppe e torte salate.