FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torino, arrestato Rachid Mesli: accusa di terrorismo per lʼavvocato algerino

Attivista per i diritti umani, stava raggiungendo lʼItalia dalla Svizzera. Eʼ stato fermato dalla polizia italiana al traforo del Gran San Bernardo

Torino, arrestato Rachid Mesli: accusa di terrorismo per l'avvocato algerino

Rachid Mesli, avvocato algerino e attivista per i diritti umani, è stato arrestato dalla polizia italiana al traforo del Gran San Bernardo, in esecuzione di un mandato di cattura internazionale. Mesli, che vive a Ginevra, è ricercato dalle autorità di Algeri per terrorismo. Per questo la Corte d'Appello di Torino dovrà pronunciarsi sulla richiesta di estradizione.

Al momento dell'arresto Mesli proveniva dalla Svizzera e stava entrando in Italia in auto con a bordo la moglie e il figlio. La polizia di frontiera ha eseguito il mandato d'arresto Interpol contro l'attivista, trasportato provvisoriamente al carcere di Brissogne (Aosta), dove attenderà la decisione dei magistrati italiani.

Amnesty International fa sapere che l'avvocato risulta rifugiato in Svizzera dal 2000 dopo che, nel suo Paese, era stato arrestato nel 1996 per aver "incoraggiato il terrorismo". In passato ha difeso carcerati islamisti vittime di tortura.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali