FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Vitalizi, ex deputati ed ex consiglieri regionali in rivolta contro tagli

La rivolta è andata in scena durante due distinte audizioni alla Commissione Affari costituzionali della Camera, impegnata nellʼesame di alcune proposte di legge che prevedono una sforbiciata agli assegni

Vitalizi, ex deputati ed ex consiglieri regionali in rivolta contro tagli

Dure proteste contro il taglio ai vitalizi da parte degli ex parlamentari ed ex consiglieri regionali. La rivolta è andata in scena durante due distinte audizioni alla Commissione Affari costituzionali della Camera, impegnata nell'esame di alcune proposte di legge che prevedono una sforbiciata agli assegni. Il presidente dell'associazione dei consiglieri ed ex consiglieri regionali ha paventato un ricorso alla Corte europea di Giustizia.

La Commissione sta esaminando alcune proposte di legge che applicano retroattivamente il metodo di calcolo contributivo ai vitalizi, che dal 2012 sono calcolati con tale metodo.

Associazione ex parlamentari: "Costituzione fissa regole su indennità" - Per gli ex parlamentari è intervenuto il presidente dell'Associazione, Gerardo Bianco, e Antonello Falomi che hanno messo in discussione lo strumento della legge per intervenire su indennità e vitalizi dei parlamentari e degli ex. La Costituzione lo riserva ai regolamenti delle Camere. Quanto al merito Bianco ha sottolineato che è la Costituzione stessa a fissare l'indennità per i parlamentari "per sottolineare la speciale funzione che a questo istituto viene assegnata".

"Indennità non è come corrispettivo di una normale prestazione di lavoro" - "Se l'indennità parlamentare fosse considerata alla stregua del corrispettivo di una prestazione di lavoro - ha sottolineato sarcasticamente , non ci sarebbe alcun bisogno di stabilirlo in Costituzione: basterebbero i contratti di lavoro" e allora "bisognerebbe, per assurdo, cominciare a parlare di orari di lavoro, di straordinari, di tredicesime, ecc?".

"Indennità garantisce a tutti possibilità svolgere lavoro parlamentare" - Quindi "l'istituto dell'indennità parlamentare stabilito dall'articolo 69 della Costituzione non è finalizzato a retribuire il lavoro fatto in Parlamento, ma a garantire che tutti, senza discriminazioni di censo, possano svolgerlo e che lo possano svolgere senza condizionamenti e in condizioni di libertà. Garanzie che non sarebbero tali se cessassero di esistere con la fine del mandato parlamentare".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali